Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:35 METEO:FIRENZE15°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 18 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Attualità mercoledì 17 febbraio 2021 ore 19:00

Gioele, un miracolo della medicina e dell'amore

Gioele con i genitori Silvana e Silvio Salillari

Il bimbo era affetto da una grave malformazione ma i genitori hanno deciso di portare a termine la gravidanza. La scienza ha premiato il loro coraggio



SIENA — Un miracolo della medicina. Si potrebbe descrivere con questa espressione il grande lavoro di squadra dei professionisti del Dipartimento della Donna e dei Bambini dell’ospedale Santa Maria alle Scotte di Siena per salvare la vita ad un neonato che aveva il 75% di probabilità di non sopravvivere. Il piccolo si chiama Gioele, i genitori Silvana e Silvio Salillari.

"Quando abbiamo visto il piccolo che iniziava a prendere il latte attaccato al seno della sua mamma ci siamo emozionati – commenta il professor Mario Messina, direttore del Dipartimento – È stato un percorso lungo e difficile e siamo sempre stati accanto ai genitori, condividendo ogni passo e ogni scelta. Un risultato importante che premia lavoro, impegno e competenza di tutti i professionisti, unitamente al coraggio e alla tenacia dei genitori".

Molto emozionata anche la famiglia al momento della dimissione dall’ospedale, dopo un percorso di presa in carico del piccolo durato circa due mesi. 

La storia di Gioele è iniziata durante le festività natalizie e il lieto fine è arrivato nei giorni scorsi. 

Il professor Filiberto Maria Severi, direttore della Diagnosi Prenatale e Ostetricia, insieme alla dottoressa Caterina Bocchi, aveva diagnosticato nel nascituro, durante la gravidanza, un’ernia diaframmatica con spostamento degli organi addominali nella parte superiore del torace, insieme a una grave ipoplasia di entrambi i polmoni, con i parametri prenatali che avevano fissato un indice di mortalità sopra al 75%.

In seguito ad una risonanza fetale, eseguita dal dottor Salvatore Francesco Carbone della Diagnostica per Immagini, che ha confermato la prima diagnosi, e a vari briefing tra neonatologi, chirurghi pediatrici, anestesisti, ostetriche e radiologi, i genitori hanno deciso di portare a termine la gravidanza.

"Ci trovavamo di fronte a un bivio – racconta il professor Filiberto Maria Severi - interrompere la gravidanza o portarla in fondo, cercando di dare quante più chance possibili al bambino. Grazie al lavoro dell’équipe multidisciplinare e grazie soprattutto al coraggio della madre si è scelta la vita, permettendo poi ai chirurghi pediatrici di eseguire alla perfezione questo intervento, per la grande gioia della famiglia e di noi tutti e nonostante l’emergenza Covid che ci ha messo alla prova".

Il bambino è nato il 21 dicembre con parto cesareo eseguito dall’équipe del professor Severi, ed è stato subito ricoverato nella Terapia Intensiva Neonatale diretta dalla dottoressa Barbara Tomasini. 

In seguito alla stabilizzazione dei  suoi parametri vitali, il piccolo paziente è stato sottoposto ad intervento chirurgico complesso, durato circa 3 ore, il 24 dicembre, effettuato dal professor Francesco Molinaro con la dottoressa Rossella Angotti dell’Unità operativa di Chirurgia pediatrica diretta dal professor Mario Messina, insieme all’équipe anestesiologica diretta dal dottor Pasquale D’Onofrio.         

"Siamo riusciti a ricostruire l’emidiaframma sinistro con tecnica classica e senza l’utilizzo di protesi – spiega il professor Francesco Molinaro - Anche se l’intervento di per sé è solo la punta di un iceberg che ha visto coinvolti numerosi professionisti che si sono impegnati, tutti insieme, per portare a termine una gravidanza complessa e risolvere, con successo, i problemi legati ad una malformazione con un elevato indice di mortalità".

Il bimbo, dopo le cure ricevute in Terapia Intensiva Neonatale con la consulenza del dottor Giovanni Antonelli della Cardiologia Clinico-Chirurgica, è stato ricoverato alle Scotte fino al 17 febbraio in Chirurgia Pediatrica e si è alimentato regolarmente al seno. E alla fine è andato a casa, insieme alla sua mamma e al suo babbo.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Controlli per il rispetto delle norme anti-covid. Le volanti della polizia sono intervenute intorno alle 21 nel locale, multe per tutti
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità