Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:FIRENZE24°36°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 21 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Pecco Bagnaia sposa Domizia, le nozze a Pesaro con tanti amici vip
Pecco Bagnaia sposa Domizia, le nozze a Pesaro con tanti amici vip

Attualità lunedì 13 maggio 2024 ore 18:20

Nel 2023 quasi 244mila interventi chirurgici in Toscana

I numeri delle operazioni negli ospedali si riavvicinano al 2019: in aumento la chirurgia oncologica, diminuiscono invece Ostetricia e Ortopedia



TOSCANA — Gli interventi chirurgici negli ospedali toscani, nel 2023, sono stati complessivamente 243.807, con un aumento di oltre il 12% rispetto al 2022 e, in misura maggiore, rispetto anche al 2021 (+20,2%) e al 2020 (+38,5%).

Secondo quanto riportato dall'Agenzia regionale di sanità, i numeri non sono poi così distanti da quelli del 2019, con una differenza del 2,7% che viene perlopiù attribuita al numero minore di parti cesarei e altri interventi legati alla gravidanza, quasi 4mila in meno in tutto.

Dopo l’ostetricia, le specialità che hanno mostrato il maggior decremento di volumi operatori sono l’Ortopedia e l'Oculistica: rispettivamente, con raffronto al 2019, si tratta di 1.129 e 1.092 interventi in meno.

Sono cresciuti invece gli interventi chirurgici oncologici. Nel 2023, i volumi della chirurgia oncologica per le dodici patologie monitorate hanno infatti superato complessivamente i livelli erogati in tutti gli anni precedenti, compreso il 2019 (+11,6%), con un incremento del 6,5% sul 2022.

Nel dettaglio, per il tumore alla mammella, al polmone, alla prostata, all'utero e al pancreas gli interventi sono cresciuti nel numero e i tempi di attesa mediani risultano inferiori o uguali a quelli rilevati prima della pandemia; per i tumori al colon, retto, fegato e stomaco il numero di interventi è invece leggermente inferiore, ma anche i tempi di attesa.

Crescono notevolmente anche gli interventi per tumori maligni della tiroide, addirittura oltre il 65% in più rispetto al 2019. Ruolo centrale, in quest'ambito, il polo ospedaliero di Pisa, riferimento a livello nazionale per il tumore alla tiroide.

Infine, superano i volumi di erogazione rispetto agli anni precedenti anche gli interventi programmati per la chirurgia non oncologica. Questo avviene per tutte le tipologie, mentre i tempi di attesa mediani sono in linea con quelli del 2019 per colecistectomia, ernia addominale, artroscopia e aneurisma dell’aorta addominale ed inferiori per protesi d’anca, di ginocchio e isterectomia.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno