Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:06 METEO:FIRENZE14°20°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 30 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Dnipro, morti due bambini nella casa distrutta dai missili: il cane resta di guardia tra le macerie

Lavoro giovedì 07 gennaio 2016 ore 10:59

Niente credito all'azienda strappata alla camorra

Nel 2013 la Fedelpol era stata sequestrata per i presunti legami tra il titolare e un clan. Ora l'azienda è sana ma le banche hanno chiuso i rubinetti



LIVORNO — A denunciare la vicenda sono stati i vertici della Uiltucs della costa che ha riassunto così la storia recente dell'azienda Fedelpol di Rosignano Marittimo.

"Prima lo scandalo - si legge nella nota del sindacato - la Fedelpol Srl viene travolta da un’inchiesta e viene arrestato l’intestatario della società accusato di legami e affari con il clan camorristico Belforte. Poi l’amministrazione giudiziaria, scelta forzata dopo il sequestro disposto dalla DDA di Napoli. E ora una nuova batosta per gli oltre 60 lavoratori dell’istituto di vigilanza di Rosignano Marittimo, ora con sede a Livorno: le banche chiudono i rubinetti e non erogano il credito. Fondi, questi, che servirebbero per garantire lo stipendio ai lavoratori, in arretrato di alcune mensilità, sempre in bilico tra scandali e incertezze e colpiti da costanti, gravi, disagi".

Negli ultimi mesi, poi, nonostante l'azienda fosse stata risanata tanto da essere inserita nella 'white list' della prefettura di Livorno, i pagamenti ai lavoratori sono arrivati a singhiozzo. "A fine dicembre - ha denunciato Sabina Bardi segretaria responsabile Uiltucs Toscana Costa - i dipendenti dovevano ancora ricevere gli stipendi di ottobre, novembre e tredicesima".

Colpa, dicono, della mancanza di credito assicurato dalle banche alla Fedelpol, che si occupa di vigilanza privata.

“Ci meraviglia il loro atteggiamento – ha tuonato Bardi – perché fino a quando la società era in mano a personaggi più che discutibili aveva finanziamenti e fondi, mentre oggi che è perfino nella ‘white list’ della Prefettura di Livorno e agisce in modo chiaro e trasparente viene penalizzata. Perché la sua situazione porta, paradossalmente, un’azienda sana con un’elevata professionalità e molte potenzialità a vedersi rifiutare affidamenti dalle banche per via della sua situazione”.

“Per questo – ha concluso Sabina Bardi - denunciamo con forza l’accaduto e, oltre a chiedere un incontro all’Abi Toscana per comprendere i motivi di tale atteggiamento, ci appelliamo alle istituzioni territoriali livornesi: Camera di Commercio, Prefettura, Comune, Confindustria, Cna, Confcommercio. Questo, affinché si facciano tutti promotori, con le organizzazioni sindacali di categoria e le associazioni rappresentati il tessuto sociale (da Arci a “Io rilancio il lavoro”, passando per Libera e Sos Impresa) di un forte messaggio ai cittadini e alle cittadine:un’azienda sottratta alla criminalità rinasce, non muore!!!” 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'allerta meteo è scattata nel tardo pomeriggio e andrà avanti fino alle 7 di domani, venerdì. Ecco quali sono le zone della regione più a rischio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità