Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 17°29° 
Domani 19°30° 
Un anno fa? Clicca qui
sabato 24 agosto 2019

Attualità lunedì 01 luglio 2019 ore 15:30

Nuovo bando per anziani e malati di demenza

La giunta regionale ha stanziato 12,3 milioni di euro per progetti a favore di anziani non autosufficienti e persone affette da demenza



FIRENZE — Un sostegno economico alle famiglie per favorire la permanenza presso il proprio domicilio delle persone non autosufficienti o affette da demenza nella fase iniziale della malattia. E' lo scopo del bando regionale di prossima apertura che è stato presentato stamattina dall'assessore regionale al diritto alla salute e al sociale Stefania Saccardi. L'apertura è prevista entro il mese di luglio con un dotazione finanziaria di 12,3 milioni di euro. Due le azioni previste: un contributo da 400 a 700 euro al mese per le persone anziane non autosufficienti; un pacchetto di interventi fino a un massimo di 4mila euro l'anno per le persone affette da demenza.

Gli elementi essenziali del bando sono contenuti in una delibera, presentata dall'assessore Saccardi, che la giunta ha approvato lo scorso maggio. "Nelle prossime settimane – ha aggiunto l'assessore – e comunque entro il mese di luglio, dovrebbe essere pubblicato l'avviso che rientra nell'ambito del POR FSE 2014-2020 e per il quale la Regione mette a disposizione 12,3 milioni di euro".

I progetti, che potranno essere presentati dalle Società della Salute o, dove le SdS non siano state costituite, dal soggetto pubblico espressamente individuato dalla Conferenza dei sindaci, dovranno essere finalizzati a favorire la permanenza nel proprio domicilio delle persone non autosufficienti, sia attraverso l'accesso a servizi e percorsi innovativi di carattere socio-assistenziale, sia attraverso l'ampliamento dei servizi di assistenza familiare.

Due i tipi di azioni previsti:

1) Percorsi innovativi per la cura e il sostegno familiare di persone affette da demenza lieve o moderata. Sono rivolti a persone con diagnosi di demenza lieve o moderata e alle loro famiglie. La persona, presa in carico e valutato dalla UVM zonale, riceverà un Piano individualizzato che potrà prevedere la combinazione di diverse tipologie di prestazioni consentendo la composizione di un pacchetto di interventi il cui ammontare può variare da un minimo di 3.000 e massimo 4.000 euro l'anno, erogabili attraverso Buoni servizio e formalizzati in un Piano di spesa. Le prestazioni previste potranno essere Servizi domiciliari professionali (assistenza di base, fisioterapia, stimolazione neurocognitiva, supporto psicologico, ecc. a domicilio), frequenza a Centri Diurni, Caffè Alzheimer e Atelier Alzheimer, Musei dedicati alle persone con Demenza.

2) Ampliamento del servizio di assistenza familiare. E' rivolto a persone ultra65enni non autosufficienti che presentano un elevato bisogno assistenziale e prevede l'erogazione di contributi economici a fronte del costo sostenuto dalla famiglia per l'assistente familiare, assunto con regolare contratto di lavoro, per facilitare la permanenza nel proprio contesto familiare della persona e anche promuovere l'occupazione regolare e una maggiore sostenibilità della spesa a carico delle famiglie. Il contributo verrà erogato attraverso un Buono servizio il cui ammontare mensile può variare da 400 a 700 euro a seconda della condizione economica del destinatario verificata attraverso l'attestazione ISEE.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità