Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:26 METEO:FIRENZE16°21°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 25 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Mattarella tra i primi al seggio a Palermo a votare per le elezioni

Attualità venerdì 12 agosto 2016 ore 08:08

"Il terrore non cambi lo stile di vita"

Franco Gabrielli

Il capo della polizia Franco Gabrielli ospite alla Versiliana ha parlato dell'innalzamento delle misure di sicurezza contro il terrorismo



PIETRASANTA — "La minaccia terroristica oltre ad essere globale è una minaccia che ha molteplici manifestazioni. Si manifesta attraverso azioni strutturate, pensiamo al 13 novembre in Francia con un gruppo di fuoco organizzato, ma anche attraverso i cosiddetti lupi solitari, non necessariamente radicalizzati o affiliati allo stato islamico, frutto invece molto spesso della marginalità in cui vivono. Tutti dobbiamo avere la consapevolezza che viviamo una minaccia, che possiamo essere oggetto e obiettivo di questa minaccia. Il che però non significa che dobbiamo mutare la nostra vita. Il prezzo che non dobbiamo pagare è mutare il nostro stile di vita, perché questo tipo di terrorismo mira a questo". 

Così si è espresso Gabrielli nel giorno in cui, peraltro, sono emerse le novità in materia di innalzamento della sicurezza nei porti crocieristici anche in seguito all'inasprirsi del conflitto in Libia contro l'Isis.

Proprio su questo aspetto Gabrielli ha poi aggiunto: "Ci sono elementi che alzano la soglia del rischio, ma l'eventuale intervento in Libia non incide in termini concreti. La politica estera deve tenere conto di tante variabili, dei rischi e delle conseguenze. Da tecnico però affermo che non esiste un'immediata e necessaria consequenzialità per questo tipo di situazione". 

E sull'immigrazione ha aggiunto: "Sono dell'idea che non possiamo accogliere tutti. Giusta la filosofia adottata dall'Europa, quella di impegnarsi a porre condizioni nei Paesi di provenienza. Questo è l'unico modo per avere due risultati: che queste persone non siano poste in pericolo, in sofferenza e in pericolo di morte, ed evitargli di arrivare in una condizione in cui l'integrazione è tutt'altro che garantita". 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
E' morto sul posto nonostante i tentativi di rianimazione il ragazzo di 26 anni alla guida dell'auto coinvolta nel drammatico incidente
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Politica