Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:35 METEO:FIRENZE20°36°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 21 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Pescatore recupera in mare il bagaglio smarrito dalla compagnia navale in crociera, lei disperata: «È tutto rovinato dall'acqua salata»
Pescatore recupera in mare il bagaglio smarrito dalla compagnia navale in crociera, lei disperata: «È tutto rovinato dall'acqua salata»

Attualità giovedì 06 giugno 2024 ore 14:48

Meno fertilizzanti con l'agricoltura idroponica

Foto di: Scuola Superiore Sant'Anna

Risultati promettenti arrivano da uno studio condotto da un docente della Scuola superiore Sant'Anna per la riduzione dell’uso dei concimi



PISA — Soluzioni nutritive meno concentrate possono contribuire a ridurre il consumo di fertilizzanti, senza compromettere la qualità degli ortaggi durante la conservazione. E' quanto emerge da uno studio condotto da Antonio Ferrante, docente di orticoltura e floricoltura dell’Istituto di Produzioni Vegetali della Scuola superiore Sant'Anna sulla produzione di ortaggi in idroponica, ovvero un tipo di coltivazione che avviene in soluzioni acquose contenenti sali minerali o comunque su substrati di coltura, come torba, fibra di cocco, di cui ne sono imbevute.

I risultati dello studio sono stati presentati nell'ambito della quinta “International Conference on Fresh-Cut produce: mantaining quality and safety”, organizzata dall’Università di Foggia.

“Questo studio – spiega Antonio Ferrante - ha avuto come obiettivo la riduzione dell’uso dei concimi nella coltivazione dell’insalata (lattuga). La diminuzione della concimazione del 50 per cento ha permesso di ridurre i costi e l’inquinamento dell’ambiente, perché al termine della coltivazione la soluzione acquosa residua presenta un basso contenuto di concimi e, anche se non venisse recuperata, non inquina i corsi d’acqua o le riserve idriche sotterranee. I risultati hanno dimostrato che, seppur diminuendo la concimazione, è possibile ottenere una resa elevata, di qualità e ricca di composti bioattivi benefici per la salute umana. I sistemi idroponici – conclude - si stanno sempre più diffondendo nell’industria agroalimentare e, nello specifico, nel settore della ‘quarta gamma’, per poter ottenere prodotti senza residui di agrofarmaci”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno