Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:23 METEO:FIRENZE18°28°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 26 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Un testimone dell'incidente di Satnam: «Abbiamo chiesto a Lovato di chiamare i soccorsi, ma lui diceva che era morto»
Un testimone dell'incidente di Satnam: «Abbiamo chiesto a Lovato di chiamare i soccorsi, ma lui diceva che era morto»

Cronaca sabato 25 febbraio 2023 ore 18:45

Ordigno al tribunale, rivendicazione anarchica sul web

artificieri della polizia
L'ordigno era stato reso inoffensivo dagli artificieri della polizia

"Abbiamo collocato un ordigno esplosivo nella porta di servizio del Tribunale di Pisa", si legge nel documento che esprime solidarietà a Cospito



PISA — "Abbiamo collocato un ordigno esplosivo nella porta di servizio del Tribunale di Pisa": giunge via web con queste parole la rivendicazione per la bomba artigianale rinvenuta giovedì scorso da un passante fuori dal palazzo di giustizia di Pisa. 

Il documento, in cui si esprime solidarietà all'anarchico Alfredo Cospito detenuto al 41bis e in sciopero della fame, è siglato dal "Gruppo di Solidarietà Rivoluzionaria – Consegne a domicilio Fai/Fri".

"La notte del 21 Febbraio - si legge fra le altre cose nel testo della rivendicazione che è accompagnato da un testo sulla nascita della Fai, la Federazione anarchica informale - abbiamo collocato un ordigno esplosivo nella porta di servizio del Tribunale di Pisa. Non sappiamo se la deflagrazione sia avvenuta, ma ci teniamo a sottolineare che quest’azione assume un’importanza non da poco: abbiamo dimostrato che è possibile avvicinarsi ai palazzi del potere e colpire".

Dopo il rinvenimento, l'ordigno era stato reso inoffensivo dagli artificieri della polizia giunti da Firenze. La miccia, è emerso, era stata accesa ma si era spenta spontaneamente prima di raggiungere il punto di detonazione, un petardo unito a una bottiglia con liquido incendiario.

Sulla vicenda indaga la Digos della questura pisana sotto il coordinamento della procura, e l'attività investigativa si era già rivolta soprattutto alla pista anarchica. I filmati di videosorveglianza del tribunale, tra l'altro, avevano ripreso l'azione di due persone incappucciate.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno