Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:00 METEO:FIRENZE11°25°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 18 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Una lince rossa si intrufola nel giardino del resort

Attualità martedì 13 febbraio 2024 ore 19:00

Varianti Covid, la Toscana studia i biomarcatori

laboratorio

La ricerca è stata finanziata dall'Istituto superiore di sanità. Obiettivo: sviluppare approcci preventivi e terapeutici mirati e specifici



PISA — La Toscana studia i biomarcatori di patogenicità delle varianti Sars-CoV-2. La ricerca per identificarli è finanziata dall'Istituto superiore di sanità, e il progetto è guidato dal professor Mauro Pistello, ordinario di microbiologia dell'università di Pisa e direttore dell'unità operativa di virologia dell’Azienda ospedaliero-universitaria pisana.

Il progetto coinvolge gruppi di ricerca coordinati da Maria Franzini (associato di Patologia clinica) e Francesca Millanta (associato di Patologia generale e Anatomia patologica veterinaria) sempre dell'ateneo pisano, insieme a team di ricerca coordinati da Guido Antonelli (ordinario di Microbiologia dell'Università La Sapienza di Roma e direttore dell'Unità operativa di Microbiologia e Virologia nell’Azienda ospedaliero-universitaria Policlinico Umberto I), e a Cristina di Primio e Mario Costa (ricercatori dell'Istituto di Neuroscienze del Cnr di Pisa).

"Durante la pandemia da Covid-19 - spiega una nota dell'Aoup - la presentazione clinica della malattia è passata da una forma di polmonite grave a un'infezione multi-organo meglio tollerata; un cambiamento che potrebbe essere attribuibile a vari fattori tra cui una maggiore conoscenza della malattia e il successo delle vaccinazioni, ma che lascia spazio anche all’ipotesi che possa aver giocato un ruolo l'adattamento del virus, che ha provato a eludere l'immunità vaccinale migliorando la trasmissibilità a scapito della virulenza".

L'obiettivo dello studio è quindi quello di confrontare diversi fattori virali per definire la patogenicità delle diverse varianti, in modo da gettare le basi per lo sviluppo di approcci terapeutici e preventivi mirati alle più recenti varianti.

"Con questa ricerca - conclude l'Aoup - il team coordinato da Pisa si posiziona come centro italiano per la caratterizzazione preclinica delle future varianti identificate dalla Rete integrata di sequenziamento coordinata dall'Iss".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno