Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:FIRENZE20°24°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 17 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Nubifragio a Malpensa: automobilisti intrappolati, salvati dai vigili del fuoco con i gommoni

Cronaca venerdì 02 luglio 2021 ore 18:55

Violarono il lockdown ma il giudice li assolve

Il tribunale di Pisa
Il tribunale di Pisa

Nella sentenza il giudice definisce illegittimi i Dpcm emanati dall'ex premier Conte durante la prima ondata della pandemia



PISA — Con la sentenza 419/2021 firmata dal giudice onorario Lina Manuali del Tribunale di Pisa due imputati di origine nordafricana, giunti in tribunale per il reato penale di aver violato il lockdown del Marzo 2020, sono stati assolti "perché il fatto non sussiste"

I due furono fermati dai carabinieri di notte sulla Toscoromagnola a Cascina e invano fu il loro tentativo di fuga in scooter. Per il giudice, in sostanza, non può configurarsi reato la violazione di uno stato di emergenza varato, senza alcun fondamento giuridico, tramite un atto amministrativo come il Dpcm.

"La delibera dichiarativa - è scritto nella sentenza - dello stato di emergenza adottata dal Consiglio dei ministri il 31 Gennaio 2020 è illegittima per essere stata emanata in assenza dei presupposti legislativi, in quanto non è rinvenibile alcuna fonte avente forza di legge, ordinaria o costituzionale, che attribuisca al Consiglio dei ministri il potere di dichiarare lo stato di emergenza per rischio sanitario. A fronte della illegittimità della delibera del Cdm del 31 Gennaio 2020, devono reputarsi illegittimi tutti i successivi provvedimenti emessi per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid 19".

A chiedere l'assoluzione dei due imputati era stato, nel Marzo 2021, anche il pubblico ministero, ravvisando tuttavia la necessità del rinvio degli atti al Prefetto per le eventuali sanzioni amministrative. Uno dei due è stato comunque condannato a 4 mesi per aver forzato in scooter il posto di blocco dei carabinieri, provocando danni all'auto dell'Arma.

Della sentenza pisana si è occupata anche la rivista online Professione Giustizia, che ha ricordato pareri della Corte Costituzionale e altre sentenze di tribunali italiani che già erano andati nella stessa direzione. Tra le motivazioni della dottoressa Manuali, si sottolinea in particolare il passaggio in cui si fa riferimento alla mancanza di ciò che avrebbe giustificato i Dpcm, ovvero i pareri del Comitato tecnico e scientifico: "In sostanza - ha scritto la giudice -, è stata posta in essere tutta una situazione che di fatto non ha consentito la disponibilità stessa degli atti di riferimento, posti a base del provvedimento, con consequenziale invalidità dello stesso provvedimento".

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il corpo senza vita del giovane pescatore di origini fiorentine è stato trovato dai sommozzatori dei vigili del fuoco davanti alla spiaggia di Ginevro
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Attualità

Attualità

Attualità