comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:29 METEO:FIRENZE13°16°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 27 ottobre 2020
corriere tv
Conte firma il nuovo dpcm: bar e locali chiusi dalle 18

Cronaca martedì 29 settembre 2020 ore 07:05

E' morto il Maestro di scherma Antonio Di Ciolo

Antonio Di Ciolo (foto da FB)

La notizia è stata data dal Club Scherma Pisa che porta il suo nome. Classe 1934, ha formato grandi campioni e ha rivoluzionato la scherma



PISA — "Il Maestro Antonio Di Ciolo ci ha lasciato. In questo momento di dolore l'intero Club si stringe intorno ai suoi cari per salutare colui che ha reso possibile tutto" hanno scritto nelle prime ore di oggi dal Club Scherma Pisa Antonio Di Ciolo.

Antonio Di Ciolo aveva 86 anni. Grande è stato il suo contributo, da allenatore, ai successi internazionali della scherma italiana, avendo dato vita a una "scuola pisana" riconosciuta e stimata, capace di rivoluzionare la concezione della scherma nel mondo.

Maestro di Scherma dal 1959, ha allenato al Cus Pisa, alla Fides Livorno, alla Pisascherma e, dal 2007, al Club Scherma Pisa Antonio Di Ciolo. Come allenatore della Nazionale di scherma ha partecipato a 8 Campionati del mondo e tre Olimpiadi, ottenendo numerose medaglie. Dal 1985 al 2000 ha anche allenato gli schermidori della Nazionale disabili.

Ha inoltre scritto e pubblicato vari testi sulla motricità della scherma e famosi, fra gli schermidori e nel mondo dello sport, sono i suoi aforismi. Per i suoi allievi era un Maestro di scherma e di vita.

"E' stato tra i maestri protagonisti della scherma moderna - questo il ricordo della Federscherma -. Caposcuola e capostipite della scherma pisana, ha formato in pedana intere generazioni di atleti che gli hanno regalato gioie ed emozioni, dai trionfi ai Gran Premi Giovanissimi sino alle medaglie iridate ed olimpiche: su tutte quelle di Alessandro Puccini, Simone Vanni e Salvatore Sanzo. Ha insegnato la "sua" scherma, originale, innovativa ed unica. Ha soprattutto portato tra le pedane il "suo" modo di essere e di interpretare la vita. Coloro i quali hanno avuto l'onore di essere suoi allievi, sin da piccoli, sono stati cresciuti a suon di "vita e scherma". Ha interpretato infatti il ruolo di maestro, forgiando uomini prim'ancora che atleti".

"Istrionico, ribelle ed anarchico, è stata presenza fissa tra le pedane di scherma sin dagli anni Cinquanta. Dopo il titolo di Maestro di scherma conseguito nel 1960, ha insegnato sino al 1994 al CUS Pisa, spostandosi poi sino al 1997 al Fides Livorno e dal 1994 al 2005 al Pisascherma, prima di far nascere, nel settembre del 2005 il Club Scherma Pisa "Antonio Di Ciolo". Ha seguito a lungo i suoi atleti anche come maestro della Nazionale di scherma, festeggiando titoli continentali, allori iridati e medaglie olimpiche.

Tra i primi a comprendere la valenza culturale prim'ancora che sportiva e tecnica della scherma paralimpica, è stato maestro dell'allora Nazionale Disabili dal 1985 sino al 2000.

Diversi sono stati anche i libri che ha pubblicato. Dal "Pronti a voi..." con Paolo Macchia Piccini, nel 1996, a "Il Gioco della scherma"; scritto nel 1996 con Lio Bastianini e Mario Gori, ma anche "La Scuola Di Ciolo" edito nel 2007 e scritto con la collaborazione del figlio Enrico, di Simone Piccini e Sabrina Balestracci. Nel 2010 da alle stampe il suo "Manuale di Scherma", presentato anche nel corso dei Campionati del Mondo Catania2011.

Infine, a dicembre 2019, pubblica il "Non perdo nemmeno se mi battono", scritto con Roberto Scarpa e volto ad esprimere la sua "teoria anarchica del combattimento".

Al di là dei numeri delle medaglie conquistate dai suoi atleti, l'apporto alla scherma italiana del maestro Antonio Di Ciolo sta nella rivoluzione dei metodi d'allenamento e di insegnamento della scherma. Ma anche, e soprattutto, nel suo modo di interpretare la scherma.

"Se qualcuno mi chiedesse se la scherma ha influenzato la mia vita - scrisse lo scorso mese di giugno in un messaggio rivolto alla Federazione Italiana Scherma in occasione dei festeggiamenti per il 111esimo anno di vita federale - gli risponderei che la mia vita è totalmente ammessa e connessa alla Scherma. Ne ho assorbito l'essenza da sempre".

"Con oggi scompare un pezzo di storia della scherma italiana - è il commento commosso del Presidente della Federazione Italiana Scherma, Giorgio Scarso -. La scherma di Antonio Di Ciolo è stata innovativa e questo gli ha permesso di farsi conoscere, apprezzare e seguire in tutto il Mondo. I suoi metodi pedagogici, fuori dagli schemi, hanno condensato non solo sport e tecnica schermistica, ma una grande dote di umanità: una miscela che lo ha reso unico nel panorama mondiale. Con la perdita di Antonio Di Ciolo, perdiamo uno dei capisaldi della scherma italiana alla quale, oltre ai grandi campioni forgiati, ha dato una linfa nuova ed un impulso innovatore alla classe magistrale. In lui, ogni maestro di scherma, ha visto un esempio da seguire ed imitare, ma il suo estro lo ha reso sempre unico ed irraggiungibile. Il suo slancio e la sua intuizione ne ha fatto uno dei primi maestri a dedicarsi con impegno e dedizione all'insegnamento della scherma paralimpica".

"Oggi - continua il massimo rappresentante della scherma italiana - piangiamo tutti la perdita di una figura simbolo del nostro mondo. Il mio pensiero commosso, anche a nome dell'intero Consiglio federale, va al figlio Enrico ed a tutta la famiglia, al Club Scherma Pisa "Antonio Di Ciolo" che, con l'inaugurazione della nuova sede ha realizzato uno dei suoi più grandi sogni, ed un abbraccio sincero va anche ai suoi tanti allievi che in Antonio Di Ciolo non hanno visto solo un maestro di scherma ma un punto di riferimento nel percorso di crescita e formazione umana. La scherma italiana lo ricorderà come una delle figure simbolo che ha contribuito a portare in alto l'onore dello sport italiano e dell'Italia nel Mondo".


FIS111 - Il messaggio di auguri del MAESTRO ANTONIO DI CIOLO


Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità