Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:15 METEO:FIRENZE10°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 05 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Audio - Dentro la macchina di Messina Denaro con la foto scattata da lui: «Sono fermo per sta commemorazione della m...»

Cronaca mercoledì 19 febbraio 2020 ore 10:09

Maxi frode nella vendita di carburanti

La Guardia di Finanza ha sottoposto a sequestro preventivo beni, immobili e quote di società per oltre 55 milioni di euro. Sigilli a 5 distributori



PISTOIA — L'inchiesta della Procura di Pistoia per una presunta frode fiscale sull'Iva nel settore della vendita all'ingrosso e al dettaglio di carburanti ha portato al sequestro preventivo di beni e quote societarie per oltre 55 milioni di euro, importo corrispondente all'evasione contestata. Il sequestro preventivo è stato effettuato alle prime luci dell'alba dalla Guardia di Finanza di Pistoia.

Dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture per operazioni inesistenti, omesso versamento di Iva, sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte, riciclaggio e autoriciclaggio. Questi i reati ipotizzati dalla Procura di Pistoia nell'inchiesta denominata "Oil flood".

In particolare, sono stati sequestrati i beni mobili e immobili e relativi conti correnti di 17 persone indagate e coinvolte a vario titolo nella presunta maxi frode fiscale, residenti in Toscana, Campania, Emilia Romagna, Puglia, Lazio e Lombardia.

Sigilli anche a cinque distributori di carburante. Tra i beni sequestrati 16 immobili, tra cui una villa con piscina in Provincia di Pistoia, una casa in Costa Smeralda e un deposito di oli minerali.

L’operazione è stata condotta dalle Fiamme Gialle pistoiesi, in collaborazione con l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli – Direzione Interregionale per la Toscana, Sardegna e Umbria.

La frode, secondo le indagini portate avanti dalla procura Pistoiese, sarebbe stata realizzata "mediante l’utilizzo di società cartiere e  amministrate da prestanomi che venivano fittiziamente interposte negli acquisti di notevoli quantità di prodotti petroliferi, nonché, mediante l’utilizzo di false “dichiarazioni di intento” che consentivano l’acquisto di carburante senza l’applicazione dell’iva".

A margine dell'operazione anche il sequestro di 18 orologi di particolare pregio per un valore complessivo di 400 mila euro, acquistati con i proventi frutto dell’evasione fiscale accertata.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un uomo di 47 anni è deceduto in seguito all'investimento di un cinghiale sulle strade del Mugello, inutili i soccorsi da parte del personale del 118
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità