Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:00 METEO:FIRENZE19°32°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 19 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Militanti di estrema destra minacciano il giornalista a Padova: «Se riprendi finisce male»

Lavoro giovedì 16 marzo 2023 ore 18:10

Accordo di comunità per ricollocare i lavoratori Alival

La firma dell'accordo
La firma dell'accordo

Sette aziende disponibili ad assumere, ed ecco una rete di sicurezza per i dipendenti che potranno andare incontro a una nuova chance



PONTE BUGGIANESE — Sette aziende per ricollocare i lavoratori della Alival di Ponte Buggianese in Valdinievole, in un accordo di comunità che crea una rete di sicurezza per i 29 dipendenti rimasti in carico ad Alival aprendo loro una via verso una nuova chance. 

L'accordo è stato siglato oggi a Ponte Buggianese, alla presenza di lavoratori e sindacati, del sindaco Nicola Tesi e per la Regione del consigliere del presidente Eugenio Giani per vertenze e crisi aziendali Valerio Fabiani e delle strutture di Arti oltre che naturalmente delle sette aziende disponibili ad assumere, tutte del Pistoiese.

C’è voluto poco meno di un anno per mettere a regime la difesa dei posti di lavoro degli ex dipendenti dello stabilimento Alival di Ponte Buggianese, la società del gruppo Lactalis nota per per la produzione di mozzarelle. La decisione annunciata nell’Aprile del 2022 di chiudere lo stabilimento e procedere ai licenziamenti forzosi: all'epoca i dipendenti erano 69, ma in Valdinievole l'indotto è rilevante.

Dunque, rammenta una nota della Regione, ecco la doppia necessità di difendere i posti di lavoro e il futuro industriale del sito. Il primo obiettivo con la firma di oggi è sul tavolo, con l’impegno di sette aziende del territorio disponibili a valutare l’assunzione dei 29 dipendenti rimasti in carico alla Alival. Gli stessi 29 che sempre oggi, giovedì 16 Marzo, hanno firmato la conciliazione in azienda per il licenziamento volontario e che accedono alle misure economiche previste dall'accordo sindacale.

Sull’altro versante, quello della reindustrializzazione, c’è l’impegno condiviso di proseguire il lavoro congiunto tra le parti al tavolo. Prosegue il confronto tra Regione e Lactalis.

Gli impegni istituzionali

La Regione, fa sapere ancora la nota regionale, mette a disposizione contributi ai datori di lavoro privati che assumono lavoratori provenienti da licenziamenti collegati a crisi di particolare rilevanza, oltre a voucher aziendali per la riqualificazione professionale. 

Inoltre Arti si impegna a proseguire il lavoro di profilazione dei lavoratori ex Alival per favorire l’individuazione delle competenze utili alle aziende del territorio.

Le aziende disponibili ad assumere

  • Ecopol Spa, produzione di film idrosolubili e biodegradabili nelle unità produttive di Chiesina Uzzanese (Pt)
  • Italpork s.r.l., settore della lavorazione e macellazione di bovini e suini nelle unità produttive di Buggiano (Pt)
  • T Tecnica s.r.l., settore metalmeccanica industriale nelle unità produttive di Ponte Buggianese (Pt)
  • S.A.TOS SPA, settore di commercio e produzione alimentare nella unità produttiva di Buggiano (Pt)
  • Arbi Dario SPA, settore produzione e commercio alimentare nell’unità produttiva di Monsummano Terme (Pt)
  • Autocarrozzeria Buralli srl, settore metalmeccanico, nell’unità produttiva di Ponte Buggianese (Pt)
  • Conad Nord Ovest, disponibilità propria e dei propri associati presenti sui territori limitrofi a Ponte Buggianese (Pt)

L'accordo è da considerarsi aperto: qualunque azienda può ancora aderire.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno