Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:25 METEO:FIRENZE21°35°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 23 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Roma, il video dell'aggressione all'avvocato che chiedeva di mettere il guinzaglio al cane
Roma, il video dell'aggressione all'avvocato che chiedeva di mettere il guinzaglio al cane

Attualità sabato 25 aprile 2020 ore 19:05

25 Aprile, il Covid non contagia la Memoria

Cerimonia al monumento commemorativo dei partigiani uccisi nel '44 a Figline di Prato. Centinaia di eventi sul web per le restrizioni anti-coronavirus



PRATO — La Toscana ha scelto di celebrare il 75mo anniversario della Liberazione dal nazifascismo con una cerimonia al monumento in ricordo dei 29 giovani partigiani uccisi dai nazisti a Figline di Prato il 6 settembre 1944, rigorosamente a porte chiuse per le restrizioni imposte nella lotta al Covid-19.

Ai piedi del monumento è stata deposta una corona di alloro per ricordare tutti i caduti nelle oltre 280 stragi nazifasciste che tra il 1943 e il 1945 hanno insanguinato 83 comuni della Toscana e causato la morte di oltre 4.500 civili. Il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, che in mattinata ha aperto le celebrazioni con un videomessaggio ai cittadini su Facebook, ha ricordato il valore del sacrificio di chi morì per ricostruire l'Italia, oggi ancor più significativo per le gravi difficoltà che l'emergenza sanitaria stanno comportando per tutti. Con lui, il sindaco di Prato Matteo Biffoni. 

“Quello che celebriamo oggi – ha detto Rossi - è ancora una volta un 25 aprile contestato da alcune forze. C'è chi vorrebbe proporre un generico ricordo di tutti i morti. Ci sono altre date per ricordarli. Noi abbiamo rispetto per i caduti dell'una e dell'altra parte e non ci nascondiamo che furono commessi errori, ma non si può disconoscere un punto fondamentale: da un lato c'erano quelli che combattevano dalla parte sbagliata, quella della dittatura e del terrore e dall'altra c'era chi combatteva, come i partigiani, per la liberazione del Paese insieme all'esercito di liberazione anglo americano. Era uno spartiacque fondamentale con i repubblichini e fascisti con i nazisti di Hitler a compiere anche in Toscana le stragi che provocarono più di 4.000 morti tra i civili innocenti. La distinzione è netta: da una parte i torti, dall'altra le ragioni”.

In tutte le città toscane, a si sono moltiplicati gli eventi per celebrare l'anniversario, in gran parte sul web, nel ricordo della Lotta di Liberazione. A Firenze, in tanti si sono affacciati alle finestre delle loro case per intonare "Bella Ciao".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno