Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:00 METEO:FIRENZE5°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 09 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo: Morandi, Ranieri e Al Bano fanno cantare l'Ariston

Cronaca mercoledì 25 gennaio 2017 ore 22:37

Mafia e omicidi, latitante arrestato a Carmignano

Grazio Salvatore Gerbino, di origini siciliane, è stato arrestato per l'omicidio di Alfio Trovato, avvenuto a Milano venticinque anni fa



PRATO — L'arresto di Grazio Salvatore Gerbino è scattato in esecuzione di un'ordinanza emessa il 10 gennaio scorso dalla Corte d'Assise d'Appello di Milano che lo ha condannato a 30 anni. 

Gerbino, considerato uomo d'onore della famiglia Gela, stava scontando un periodo di semilibertà dopo una precedente condanna e a Carmignano gli è stata notificata la nuova sentenza, seguita all'inchiesta del pm Marcello Musso su vecchi omicidi di mafia risalenti tra gli anni '80 e i '90.

Ad arrestare Gerbino è stata la Dia di Milano in collaborazione con i centri operativi di Firenze e Caltanissetta.

La Corte nell'appello 'bis' aveva confermato l'ergastolo per Giuseppe Madonia e 30 anni per Cataldo Termini e per Antonio Rinzivillo, tutti e tre già in carcere e accusati con Gerbino, a vario titolo, di 2 delitti: quello di Gaetano Carollo, avvenuto nel Milanese nel 1987, e quello di Trovato, avvenuto a Milano nel 1992. 

Per l'omicidio Carollo erano stati già condannati, quali mandanti, Francesco Madonia e Totò Riina, mentre per l'omicidio Trovato anche Leoluca Bagarella e Giovanni Brusca.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno