Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:05 METEO:FIRENZE17°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 21 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Attualità venerdì 18 dicembre 2020 ore 16:22

La Toscana incrementa i posti Covid, altri 60

Il presidente della Regione all'ospedale Santo Stefano ha visitato i nuovi locali pronti ad ospitare 60 posti letto per i pazienti positivi al Covid



PRATO — Una nuova ala dell'ospedale Santo Stefano di Prato è pronta ad ospitare il ricovero dei pazienti positivi al Coronavirus, la dotazione di 60 posti letto si aggiunge a i 190 posti del centro Covid Pegaso di Prato, il primo completamente dedicato ai pazienti contagiati dal Sars-Cov2 in Toscana. 

A differenza della struttura realizzata nei locali del Creaf di Prato per evitare una ulteriore pressione sugli ospedali toscani, i 60 posti del Santo Stefano sono integrati nell'ospedale "Questo ci consente - ha spiegato il presidente Eugenio Giani - una maggiore versatilità della struttura che potrà ospitare i malati durante l'emergenza ma anche tornare utile in futuro per esigenze ospedaliere".

Giani ha sottolineato "I nuovi posti letto che abbiamo realizzato in Toscana sono nati a fronte di una valutazione su 3.500 ricoveri, oggi siamo a poco più di 1.100 quindi abbondantemente sotto le previsioni ma questo non significa che i posti non servono ma che possono essere meglio distribuiti e fornire migliore comfort ai pazienti che non si ritrovano ad essere curati e seguiti in spazi ristretti".

Al sopralluogo è stato presente anche l'assessore alla Sanità, Simone Bezzini che nell'occasione ha incontrato il sindaco di Prato, Matteo Biffoni ed il personale sanitario "Ringrazio tutti gli operatori - ha detto Bezzini - che ho trovato collaborativi ed organizzati in una ottima squadra operativa. Abbiamo affrontato alcune criticità ad iniziare dalla carenza di organico ma ricordiamo che la Toscana durante l'emergenza ha reclutato 6.000 operatori al netto dei pensionamenti. Sono stato sollecitato sul tema del potenziamento della formazione professionale perché non è facile trovare sul mercato il personale specializzato e la Regione Toscana si farà promotrice presso la Conferenza Stato - Regioni di questa problematica".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'artigiano era sottoposto a isolamento domiciliare. Era rimasto contagiato dal Covid durante una cena con alcune persone, organizzata a casa sua
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità