Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 6° 
Domani -3°4° 
Un anno fa? Clicca qui
domenica 20 gennaio 2019

Cronaca lunedì 24 dicembre 2018 ore 16:38

"Nelle impronte sul sangue la firma di Cagnoni"

Matteo Cagnoni

Depositate dal tribunale le motivazioni della condanna all'ergastolo inflitta al dermatologo fiorentino per l'omicidio a bastonate della moglie



RAVENNA — La condanna all'ergastolo per Matteo Cagnoni, 53 anni fiorentino, è arrivata lo scorso 22 giugno (vedi articoli correlati). Oggi sono state depositate le 374 pagine con le motivazioni della sentenza. La "verità processuale che si consegna" alla Corte d'Assise di Ravenna, si legge, "è quella che vede Matteo Cagnoni avere definitivamente marchiato con il rosso del sangue con entrambe le mani, la propria responsabilità". Si tratta delle impronte palmari trovate nella villa di famiglia nel centro di Ravenna nella quale si è consumato l'omicidio di Giulia Ballestri, 39 anni moglie del dermatologo fiorentino, finita a bastonate il 16 settembre 2016.

Dalla ricostruzione fatta dai giudici emergerebbe anche una ricostruzione parzialmente nuova del delitto, con la vittima scaraventata dalla furia dei colpi oltre la balaustra del ballatoio sul quale era stata attirata con la scusa di esaminare dei quadri per poi cadere nel salone sottostante. 

Nelle motivazioni si legge anche che per la Corte "è bene rimarcare che proprio la natura zoppicante, cangiante, fallace oltre che mistificatoria e per la gran parte menzognera" di quanto dichiarato dal dermatologo, "ha spesso instradato l'operato" dell'accusa la quale avrebbe addirittura, "proprio seguendo le tracce dichiarative di Cagnoni, introitato notevoli e anche decisivi supplementi d'indagine". 

Lo scorso 23 novembre Cagnoni è stato trasferito dal carcere di Bologna a Ravenna. Dal 19 settembre 2016, tre giorni dopo l'omicidio, si trova in custodia cautelare. 



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca