Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:00 METEO:FIRENZE19°32°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 15 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Siccità grave anche in Germania, i livelli del fiume Reno ai minimi storici

Cronaca lunedì 11 aprile 2022 ore 18:45

​Ritrovata opera del '500 rubata agli Uffizi

Il dipinto rubato agli Uffizi con il direttore della Galleria Schmidt e i Carabinieri
Il dipinto rubato agli Uffizi e recuperato con il direttore della Galleria Schmidt e i Carabinieri

Il dipinto fu trafugato nel 1985 da una chiesa nei dintorni di Firenze ed era in vendita attraverso un'asta on line. Operazione dei Carabinieri



FIRENZE — Una Sacra Famiglia del Cinquecento di proprietà  della Galleria degli Uffizi e rubata nel 1985 è stata intercettata ad un'asta online dai carabinieri per la tutela del patrimonio culturale (Tpc) di Udine in collaborazione con i colleghi di Roma, e riportata a Firenze al museo che ne è il legittimo proprietario.

Il dipinto, opera di un pittore di area veneto-romagnola del XVI secolo, raffigura La Sacra Famiglia con Santa Caterina d’Alessandria e fu trafugato da ignoti nel Gennaio del 1985 dalla chiesa di San Michele a Monteripaldi, nell'omonima località situata nei dintorni di Firenze, dove si trovava in deposito dal 1970.

La riconsegna ufficiale, a seguito di confisca, è avvenuta oggi: ad affidare l’opera al direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt è stato, in rappresentanza del comandante dei Carabinieri Tpc, il tenente colonnello Giuseppe Marseglia. Presente anche il comandante del Nucleo Tpc di Udine, maggiore Lorenzo Pella.

[EXTRA(0)]

Il dipinto era stato messo in vendita anche attraverso canali online da una casa d’aste con sedi a Milano e a Roma: a scoprirlo sono stati proprio i Carabinieri Tpc di Udine, durante il quotidiano monitoraggio del web a caccia di opere rubate.

Le verifiche condotte attraverso la consultazione della “Banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti”, il più grande database al mondo di opere d’arte trafugate, gestito dallo stesso comando Tpc, hanno permesso di identificare la corrispondenza tra il quadro messo in vendita su internet e quello censito nel sistema informativo.

La prima a ribadire questa identificazione, sulla scorta delle immagini, è stata la responsabile dei Civici Musei di Udine, Vania Gransinigh. Gli Uffizi hanno prodotto il verbale di deposito esterno nella chiesa di San Michele a Monteripaldi e la denuncia di furto fatta nel 1985, e ulteriori accertamenti disposti dal sostituto procuratore della Repubblica di Firenze Christine von Borries hanno confermato definitivamente la corrispondenza tra l’opera in vendita e quella rubata a Monteripaldi.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La persona dispersa è una donna. Mobilitazione per i soccorsi: sul posto un elicottero dei vigili del fuoco, personale specializzato e sommozzatori
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca