Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:10 METEO:FIRENZE7°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 08 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo, Gianni Morandi entra con una scopa in mano

Attualità martedì 16 giugno 2020 ore 12:25

Ansie e paure, gli effetti del lockdown sui bimbi

Il 65% dei bambini sotto i 6 anni ha subito disagi e avuto problematiche comportamentali per l'isolamento dovuto all'emergenza Covid-19



ROMA — Nel lockdown senza scuola, senza nonni, senza abitudini e routine che rappresentavano sicurezze, in molti bambini sono state riscontrate ansie e paure: il 65% dei bambini italiani sotto i 6 anni e il 71% di quelli sopra i 6 anni hanno subito infatti problematiche comportamentali, con sintomatologie legate alla regressione soprattutto per quanto riguarda il sonno. 

Problemi che magari si erano superati e che però poi si sono ripresentati con il lockdown, come la paura del buio e pianto inconsolabile, difficoltà di addormentamento e ansia da separazione

Questi i risultati di un'indagine sull'impatto psicologico e comportamentale della pandemia Covid-19 durante il lockdown sui bambini e gli adolescenti italiani, condotta dall'Istituto Giannina Gaslini e dall'università di Genova e presentata al Ministero della Salute dal direttore generale del Gaslini Paolo Petralia, dalla sottosegretaria alla salute Sandra Zampa e dallo psichiatra Fabrizio Starace.

Al questionario hanno risposto 6.800 persone di cui circa 3.200 con figli minori. Le parole chiave colte  più spesso e riportate nelle parole e nei disegni dei bambini al di sotto dei 6 anni sono state 'ho paura' e 'brutto'.

Durante la conferenza stampa di presentazione dell'indagine il direttore generale del Gaslini Paolo Petralia ha sottolineato che il lockdown ha segnato i bambini sia quelli più piccoli che quelli sopra i 6 anni.

Sopra i 6 anni è stata anche notata la difficoltà di addormentamento e a svegliarsi è ancora più evidente, con una importante alterazione del ritmo sonno-veglia. Altri sintomi ossessione per la pulizia, sensazione di fiato corto, scarsa collaborazione alle faccende domestiche, abuso dei media. 

Per evitare che queste problematiche riscontrate in molti bambini italiani possano continuare secondo lo psichiatra Starace c'è da ricostruire una routine e non lasciare che il bambino organizzi la giornata da solo.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno