Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:05 METEO:FIRENZE10°17°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 13 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Stupro o sesso consenziente? Alcol, chat, testimonianza. Cosa dicono i giudici che i nostri figli devono sapere

Attualità domenica 13 settembre 2020 ore 19:45

Scuola, si riparte in Toscana e in altre 11 regioni

studenti

Ingressi scaglionati e trasporto pubblico potenziato ma restano molte incertezze. Partenza dopo le elezioni in 7 regioni. Conte:"Rispettate le regole"



ROMA — Tutto pronto per il ritorno a scuola in Toscana che, insieme ad altre 11 regioni e alla provincia autonoma di Trento, domani riapre le porte degli istituti che, nei mesi estivi, si sono attrezzati per cercare di garantire il rientro nella massima sicurezza anche se, ancora, tra mille incertezze. Nello specifico, al loro rientro gli  alunni e studenti toscani troveranno una diversa organizzazione degli spazi per garantire il distanziamento sociale di almeno un metro, banchi monoposto e aule rinnovate, gel igienizzante, misurazione della febbre a casa. Molte scuole superiori hanno già previsto la didattica a distanza in aggiunta a quella in presenza.

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, in un videomessaggio rivolto a studenti, famiglie e docenti ha augurato a tutti un buon rientro, invitando a "rispettare le regole" e spiegando che sicuramente "ci saranno difficoltà all'inizio".

Restano, infatti, ancora molte incertezze. Sulle mascherine in classe, non obbligatorie se sussiste il metro di distanza, ad esempio, è intervenuta la ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina dicendo che "il ragazzo o ragazza, se ha paura, può tenerla anche se c’è metro di distanza". E poi c'è il problema degli organici dei docenti, con le convocazioni svolte in molti casi online e le centinaia di cattedre ancora non assegnate: nei prossimi giorni le assegnazioni andranno avanti ma già ci sono proteste in vista, come quella annunciata domani davanti all'Ufficio Scolastico Regionale a Firenze dal comitato "Priorità alla Scuola" insieme ai sindacati.

I provvedimenti delle Asl toscane. La Asl Toscana Centro, intanto, ha fatto sapere di essere pronta in caso sia necessario eseguire tamponi sui bambini che presentino sintomi sospetti di Covid-19. "Nel caso in cui il minore presenti aumento della temperatura cutanea o altri sintomi compatibili con COVID-19 in ambiente scolastico o presso il proprio domicilio, i genitori contatteranno il proprio pediatra di libera scelta o medico di medicina generale che, sulla base dell'anamnesi e dei sintomi clinici, decideranno se richiedere il tampone - ha detto Marco Pezzati pediatra e Direttore Dipartimento materno infantile - Il tampone verrà di norma eseguito utilizzando le numerose sedi "drive through" individuate su tutto il territorio aziendale o, in casi particolari, al domicilio del bambino mediante attivazione di apposite squadre”.

La Asl Toscana Nord Ovest, inoltre, ha avviato l'operazione "Scuola Sicura" con la costituzione, a partire da domani, di 10 equipe per la salute delle scuole, una per ogni zona distretto dell’Azienda USL Toscana nord ovest, che a regime saranno formate da medico, infermiere, assistenti sanitari e referenti dell’educazione alla salute di quella zona. Per completare queste squadre, sarà necessario l’ingresso in servizio dei nuovi medici, scelti tra quelli che stanno aderendo al bando pubblicato lo scorso 4 settembre.

Tutte e tre le Asl toscanie, infatti, si stanno attrezzando per reperire i medici per le scuole previsti dall'ordinanza regionale il cui elenco dovrà essere pronto entro il 30 settembre.

Trasporto pubblico. Nei giorni scorsi la Regione ha fatto sapere che il servizio di trasporto scolastico, uno dei nodi più dibattuti dell'estate su cui si è incagliata a fine agosto la discussione sulle linee guida nazionali, è stato potenziato con 233 bus e mezzi privati aggiuntivi, 228 dei quali su tratte urbane e 5 sulle extraurbane: si tratta di mezzi che si aggiungono a quelli della flotta normale del trasporto pubblico locale per compensare la capienza massima consentita a bordo dell'80 per cento della reale portata, in particolare nei momenti della giornata di maggiore richiesta (entrata e uscita).

Oltre alla Toscana, le regioni che riapriranno le scuole nel giorno indicato dal Ministero dell'Istruzione, il 14 Settembre, sono il Lazio, l'Emilia-Romagna, la Lombardia, il Molise, le Marche, la Liguria, il Piemonte, la Sicilia, l'Umbria, la Valle d'Aosta, il Veneto oltre alla provincia autonoma di Trento. Si aspetterà che sia passato il fine settimana delle elezioni, invece, in Abruzzo, Campania, Basilicata, Calabria, Puglia (dove si riparte il 24 settembre) e in Sardegna (22 settembre). Il 16 Settembre si riparte in Friuli Venezia Giulia mentre in Alto Adige le lezioni sono ripartire il 7 Settembre.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Regione ha predisposto un calendario che prevede, dal 12 al 15 Maggio, l'apertura graduale delle agende. Ma scarseggiano i posti per i sessantenni
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Monica Nocciolini

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità