Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:29 METEO:FIRENZE15°24°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 04 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Corea del Nord lancia missile verso il Giappone: le sirene d'allarme a Misawa

Attualità sabato 30 luglio 2016 ore 10:30

Rossi e Nogarin, uniti dall'inciviltà politica

Diversissimi per appartenenza politica e convinzioni, ieri fianco a fianco nel condannare minacce ed aggressioni. Rossi: "Non mi piegherò"



TOSCANA — "Il letame di San Miniato e non solo. Questo signore che si presenta come un oppresso e che alcuni commenti elevano al rango di contestatore semplicemente chiede che la Regione Toscana faccia per lui cose illegittime". Il governatore toscano Enrico Rossi torna sull'aggressione di due giorni fa e ribadisce: "Finché sarò presidente non avverrà mai e per questo sono anche disposto a prendermi tonnellate di letame. Non mi piegherò".

Una giornata, quella di ieri, che ha visto il presidente regionale trovarsi fianco a fianco con chi forse non avrebbe mai pensato: il sindaco di Livorno Filippo Nogarin, che ha ricevuto una lettera di minacce assiema all'inquietante immagine di due proiettili.

E così i due, divisi dalle appartenenze politiche, sono stati accomunati dalle dagli attestati di stima, vicinanza e solidarietà bipartisan. Anche incrociate, con il M5S che ha espresso solidarietà a Rossi, e il Pd che ha condannato l'episodio di Livorno. Entrambi hanno potuto contare sulla solidarietà delle alte cariche dello Stato: se il premier Matteo Renzi e il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella hanno espresso solidarietà a Rossi, a Nogarin ha manifestato solidarietà la presidente della Camera Laura Boldrini per la "grave intimidazione". 

E ancora, tutti e due, Rossi e Nogarin, hanno segnalato i fatti con l'ausilio della rete, tramite i loro profili Facebook, prima però di prendere in considerazione anche via più formali. Rossi ha deciso di denunciare l'aggressore. "Bisognerebbe tutti fare uno sforzo - ha detto - per riportare i comportamenti in un alveo che non sia quello della violenza e del degrado". Nogarin, pur dicendo di ritenere che si tratti di "uno scherzo di cattivo gusto" ha comunque deciso di rivolgersi a Digos e polizia giudiziaria, che hanno aperto un''indagine.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A scoprire i corpi dei due, fiorentini, sono stati i carabinieri a seguito dell'allarme lanciato da una donna che non riusciva a contattarli
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca