Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:00 METEO:FIRENZE15°22°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 26 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Elezioni, c'è una novità e un solo vincitore: ora è il tempo della responsabilità

Attualità mercoledì 17 gennaio 2018 ore 11:01

​Sammezzano tra i monumenti più a rischio d'Europa

Il Castello di Sammezzano

Il castello è l'unico luogo italiano nella lista dei dodici siti più in pericolo resa nota in apertura dell'Anno europeo del patrimonio culturale



REGGELLO — Non è una classifica di cui essere felici ma senz'altro riaccende i riflettori sulle condizioni in cui versa lo splendido castello in stile moresco a Leccio. Sammezzano, nominato dal Touring Club Italiano insieme a Save Sammezzano, infatti rientra nei dodici finalisti dell'edizione 2018 del programma '7 Most endangered' lanciato per la prima volta nel 2013, vale a dire la lista dei sette monumenti in assoluto più a rischio. Per ora la scrematura ha prodotto un elenco di dodici siti in dieci paesi europei e entro il 15 marzo si avrà la classifica finale a sette.

L'elenco è stato reso noto da Europa Nostra e Istituto della Banca Europea per gli investimenti (Ibei) ed è nato dai suggerimenti arrivati da enti pubblici e organizzazioni che fanno parte della rete di Europa Nostra. A selezionare l'elenco è stata una giuria di esperti di diversi settori.

Nello specifico, oltre al Castello di Sammezzano, nella lista ci sono in Albania il centro storico di Gjirokastra e le chiese post-bizantine a Voskopoja e Vithkuqi, il centro storico di Vienna, la fabbrica della lavorazione del carbone di Beringen in Belgio, il monumento di Buzludzha in Bulgaria, il sistema di funivie di Chiatura in Georgia, il complesso monastico di David Gareji in Georgia, il Casinò di Constanta in Romania, i siti preistorici di arte rupestre nella provincia di Cadice in Spagna, l'orfanotrofio greco di Prinkipo, Isole dei Principi, in Turchia, la fabbrica di ghiaccio di Grimsby nel Regno Unito.

Tra le cause dello stato di degrado in cui versano i luoghi segnalati, si legge in una nota, ci sono "la negligenza" o "uno sviluppo inadeguato", ma anche in taluni casi "mancanza di risorse o competenze".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Le abbondanti precipitazioni hanno gonfiato i torrenti provocando esondazioni. Sul Fiume Cecina allerta massima per il passaggio della piena
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Monitor Consiglio

Attualità

Politica

Cronaca