Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:FIRENZE17°30°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 22 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Afghanistan, la sfida delle giornaliste: a volto scoperto in tv nel primo giorno di divieto

Cronaca venerdì 01 ottobre 2021 ore 19:40

Ristruttura l'alloggio con i soldi della parrocchia, prete denunciato

La querela è stata presentata da alcuni parrocchiani: "Ha speso 60mila euro per il suo alloggio personale, 9.000 euro solo per comprare una cucina"



SAN MINIATO — I membri del Consiglio degli affari economici di due parrocchie della diocesi hanno denunciato il sacerdote reggente per appropriazione indebita. E a breve giro di posta la diocesi ha replicato che tutto è in regola. Ma andiamo con ordine.

Stando a quanto raccontato dai firmatari della querela, presentata ai carabinieri, il prete avrebbe speso 60mila euro di proprietà di una delle due parrocchie per ristrutturare il suo alloggio personale nella canonica, realizzando 3 bagni e comprando una cucina dal costo di 9.000 euro. I parrocchiani mettono in discussione anche alcuni lavori edili che avrebbero portato il parroco a impegnare altri 50mila euro. Secondo i parrocchiani, il sacerdote "non ha usato risorse personali ma fondi di una parrocchia ovvero un'associazione senza scopo di lucro rispetto alla quale lui riveste il mero ruolo di amministratore".

La notizia della denuncia è stata resa nota dai firmatari della querela che contestano anche il vescovo di San Miniato, Andrea Migliavacca, perchè, a loro avviso, continuerebbe a "sostenere il prete", come risulterebbe dalla registrazione di alcune dichiarazioni del vescovo che è stata consegnata ai carabinieri.

Dal canto suo la diocesi ha replicato in una nota che "i lavori di ristrutturazione della casa canonica erano necessari e urgenti, essendo questa di fatto inabitabile".

"Le spese sono state tutte autorizzate dalla Curia diocesana e dal legale rappresentante della parrocchia e sono tutte documentate con fatture - prosegue la nota - Non è stato quindi commesso alcun illecito. Deploriamo l'uso dei querelanti della registrazione di un colloquio privato con il vescovo e valutiamo di sporgere controquerela per calunnia".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un uomo di 74 anni è morto sulle spiagge dell'Elba. Inutili i soccorsi da parte del personale sanitario del 118 che ha constatato il decesso
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca