Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:24 METEO:FIRENZE9°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 02 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Ecco il Var che dà ragione al Giappone

Attualità martedì 13 ottobre 2015 ore 15:30

Sanità, la riforma è più veloce del referendum

Servizio di Tommaso Tafi

L'assessore regionale Saccardi in commissione: "Tra un mese il testo sarà pronto e verrà approvato entro l'anno". Così si eviterà la consultazione



FIRENZE — E' un cronoprogramma a tappe forzate quello illustrato dall'assessore regionale alla Salute Stefania Saccardi per far approvare la legge di riforma della sanità che di fatto andrà a sostituire quella approvata alla fine della scorsa legislatura. 

I Consiglieri regionali e la Giunta lavoreranno giorno e notte per ascoltare in audizione tutti gli operatori del settore e limare un testo che nelle sue linee generali ricalcherà quello precedente: le Asl verranno ridotte da 12 a 3 e saranno guidate da un direttore generale, un direttore sanitario e un direttore amministrativo.

Per evitare però di creare una platea di mini direttori generali per gestire il territorio, sarà fondamentale la pianificazione. Ed è su questo che si concentreranno Giunta e Consiglio. La gerarchia che si verrà a creare è questa: la Regione, in base al piano sanitario e sociale, darà le linee guida che verranno recepite dalle Aree vaste che programmeranno gli interventi attraverso piani attuativi locali o, in presenza di aziende universitarie, in piani attuativi ospedalieri. 

Per quanto riguarda la prevenzione, invece, l'idea è quella di evitare eccessivi accentramenti, creando invece 3 dipartimenti distinti, uno per Area vasta.

La nuova riforma porterà all'abrogazione della legge 28 e della 40 e in questo modo i presupposti del referendum promosso da tutte le forze d'opposizione e dai comitati verranno meno. 

"Non vedo da nessuna parte il pericolo che con questa legge si vada a privatizzare la sanità toscana - ha detto Saccardi - C'è chi dice 'no' e raccoglie le firme per abrogare la legge, c'è chi prova a dare una risposta ai problemi delle persone. Facciamo due mestieri diversi". 

"Stiamo parlando di un settore che gestisce 7 miliardi l'anno su 8 - ha aggiunto il presidente della commissione Stefano Scaramelli -. Non credo si possa risolvere la complessità chiedendo di esprimersi con un sì o un no sulla riforma. Meglio il confronto con le opposizioni in aula".

"Il confronto vengano a farlo nelle piazze davanti ai cittadini - ha risposto il vicepresidente della commissione Stefano Mugnai -. L'importante è che il Pd e la Giunta permettano ai toscani di decidere con il referendum, ma già so che non lo faranno".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un uomo di 83 anni è deceduto ed uno di 44 anni è stato ricoverato in codice rosso, sul posto sono intervenuti vigili del fuoco, personale del 118 e polizia stradale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Monitor Consiglio

Cronaca

Attualità

Attualità