Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 9° 
Domani 8° 
Un anno fa? Clicca qui
mercoledì 11 dicembre 2019

Cronaca martedì 09 luglio 2019 ore 18:30

Schiavizzata con riti vudù, aguzzino condannato

Dovrà scontare dodici anni di carcere un uomo accusato di aver ridotto in schiavitù una ragazza per costringerla a prostituirsi



PROVINCIA DI FIRENZE — Lui dovrà scontare dodici anni di carcere, la sua complice è invece irreperibile ed è stata condannata in contumacia. Si è concluso così il processo di primo grado a carico di immigrato nigeriano accusato insieme alla compagna di aver brutalizzato e ridotto in schiavitù una connazionale per costringerla a prostituirsi, utilizzando anche riti vudù per spaventarla e renderla ancora più succube.

Dal 2015 al 2017 la vittima sarebbe stata segregata in un appartamento di Scandicci, continuamente malmenata, minacciata e periodicamente sottoposta anche a violenza sessuale.

La coppia di imputati, seguita da tempo dai servizi sociali, quando scattò l'inchiesta viveva con due migli minorenni e un altro bambino in arrivo. Le accuse a loro carico erano riduzione in schiavitù, violenza sessuale, tratta di essere umani e sfruttamento della prostituzione.



Tag

Renzo Bossi: «I 49 milioni erano sul conto quando papà se ne andò»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità