Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:25 METEO:FIRENZE9°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 07 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Mattarella a Sanremo, la standing ovation dell'Ariston poi canta l'«Inno» e si commuove alle parole di Benigni

Attualità lunedì 07 novembre 2022 ore 15:25

Birrifici all'ultima goccia per il caro energia

persone brindano con la birra

Sono 118 i birrifici artigianali toscani messi in ginocchio dall'esplosione dei costi energetici e la riduzione nei raccolti di orzo per il malto



TOSCANA — Sono 157mila i toscani che consumano birra tutti i giorni, magari versandosi una birra prodotta in uno dei 118 birrifici artigianali della Toscana che però il caro energia spinge all'ultima goccia, sull'orlo della chiusura definitiva. Negli ultimi due anni il settore è stato soggetto a un balzo spaventoso di tutte le voci di produzione: dal +200% dell’energia al +45% per gli imballaggi al +40% per le bottiglie, mentre le lattine hanno segnato +10%, i tappi +22%, i fusti di plastica +23%

E i cambiamenti climatici? Anche loro hanno la loro quota di responsabilità avendo tagliato di 1/3 il raccolto dell’orzo per il malto. E’ quanto emerge dall’analisi della Coldiretti Toscana e del Consorzio di tutela e promozione della birra artigianale italiana in occasione della giornata nazionale della birra 100% Made in Italy.

Secondo i dati Istat in Toscana sono sempre di più i consumatori abituali di birra, in crescita fra il 2020 e il 2021 di 16mila persone fino all'attuale totale di 157mila. E la scelta di chi sceglie la bionda spumeggiante è divenuta via via sempre più raffinata e consapevole.

In Toscana del resto le eccellenze nel settore della birra artigianale non mancano: dalla birra aromatizzata alla canapa a quella all’eucalipto, dalla birra al carciofo al marrone del Mugello Igp, dalla birra ai cereali e al pane Gran Prato, ai multicereali, al miele e alle erbe aromatiche. Si tratta di realtà molto spesso realizzate da giovani, i più attivi nel settore con profonde innovazioni che – continuano Coldiretti Toscana ed il Consorzio – vanno dalla certificazione dell’origine a chilometri zero al legame diretto con le aziende agricole.

Non solo: la Toscana vanta anche la produzione di specialità altamente distintive o forme distributive innovative come i “brewpub”, la prima filiera corta della birra nella piana di Lucca con la più grande coltivazione di luppolo d’Italia.

"Il forte incremento dei costi - anticipano Coldiretti Toscana e Consorzio - sta spingendo a riorientare la produzione di alcuni birrifici verso l’uso delle lattine piuttosto che bottiglie di vetro". Intanto alle difficoltà di produzione si aggiunge, a causa dei costi dell’energia elettrica, anche la carenza sul mercato di anidride carbonica Co2 ad altissimo grado di purezza utilizzata per l’imbottigliamento. 

"Fino ad ora - proseguono ancora Coldiretti Toscana e Consorzio - i birrifici artigianali hanno assorbito quasi del tutto l’incremento dei costi che solo una piccolissima parte sta pesando sui prezzi al dettaglio. Ma se i costi non dovessero scendere - concludono - diverse aziende rischiano di chiudere definitivamente o di dover sospendere la produzione per almeno tentare di ridurre le perdite".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Originaria di Milano, in Toscana aveva svolto gran parte della sua carriera. Giallo sulla sua morte, gli investigatori non escludono alcuna ipotesi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità