Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:10 METEO:FIRENZE23°38°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 25 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Paura sull'autostrada: la grandine è così forte che rompe il parabrezza
Paura sull'autostrada: la grandine è così forte che rompe il parabrezza

Attualità sabato 13 aprile 2024 ore 17:40

Siti d'interesse nazionale, bonifiche a Massa Carrara e Orbetello

Massa e Carrara

Interventi per mitigare i rischi di inquinamento e per la salute in 4 zone della Regione: dopo i primi due, sarà la volta di Livorno e Piombino



TOSCANA — Il progetto triennale di portata nazionale per le bonifiche dei siti contaminati, che coinvolge ben 12 Regioni italiane, in Toscana parte da due territori: quello di Massa Carrara e quello di Orbetello.

Sarà proprio qui, infatti, grazie all’approvazione di una delibera proposta dall’assessore al Diritto alla salute Simone Bezzini, che si interverrà per ridurre l’impatto sanitario di patologie legate a particolari condizioni ambientali.

"Con questo progetto proseguiamo il lavoro di monitoraggio e attenzione sui siti d'interesse nazionale della Toscana - ha spiegato Bezzini - con questo primo progetto puntiamo a rafforzare le azioni di prevenzione nei siti di Massa Carrara e Orbetello, con l’obiettivo di tutelare la salute dei cittadini e la qualità dell’ambiente. Ne seguirà poi un altro , al quale stiamo già lavorando, che riguarderà le aree di Livorno e Piombino".

In Toscana sono infatti 4 le aree che figurano nell’anagrafe nazionale dei siti di interesse nazionale, che richiedono cioè interventi di bonifica del suolo, del sottosuolo o delle acque superficiali. Due di questi sono appunto Massa Carrara ed Orbetello, dove la presenza di impianti siderurgici e industrie chimiche può rappresentare un rischio per la salute dato l’ impatto ambientale. A queste si aggiungono Livorno e Piombino, che saranno invece al centro del secondo progetto.

"Tutelare la salute dei cittadini vuol dire anche studiare e prevenire l’impatto che determinate condizioni ambientali possono avere sulle persone - ha commentato il presidente della Regione, Eugenio Giani, insieme all'assessora all'Ambiente Monia Monni - le bonifiche non sono una spesa ma un investimento: per la qualità della vita nei territori, anzitutto, una priorità".

La Regione parteciperà al progetto tramite con l’Asl Toscana sud est, l’Agenzia regionale per la sanità, Ispro, Ifc-Cnr, Arpat e Scuola Normale di Pisa.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno