Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:15 METEO:FIRENZE10°15°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 05 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Putin al volante di una Mercedes sul ponte di Crimea

Attualità lunedì 15 giugno 2020 ore 13:27

Tpl, Il Consiglio di Stato dice no a Mobit

I giudici non hanno accolto l'istanza di sospensione cautelare dell'affidamento del servizio ad Autolinee toscane. Udienza di merito l'8 Ottobre



FIRENZE — "Apprendiamo con sorpresa che il Consiglio di Stato non ha accolto la nostra istanza di sospensione cautelare dell’affidamento del Tpl ad Autolinee Toscane. Attendiamo serenamente l’udienza di merito che si terrà il prossimo 8 Ottobre, nella quale siamo certi riusciremo a fare apprezzare al Collegio giudicante i nostri argomenti e le censure al piano economico finanziario di Autolinee Toscane". Con queste parole il consorzio di imprese locali del trasporto pubblico Mobit ha annunciato che i giudici amministrativi di secondo grado non hanno ritenuto opportuno sospendere in via cautelare fino alla data della sentenza le procedure per portare a conclusione la gara regionale sul Tpl, affidando definitivamente il servizio alla società vincitrice, Autolinee Toscane del gruppo Ratp.

Da quando venne ufficializzato l'esito della gara, Mobit ha ingaggiato una durissima battaglia legale per ribaltarlo e l'ultimo capitolo è un esposto presentato in procura che ha dato il via a un'inchiesta giudiziaria su presunte irregolarità nell'aggiudicazione.

Il consorzio Mobit si è costituito “persona offesa” nel procedimento in questione, assistito dall’avvocato Pier Matteo Lucibello, e si è messo a disposizione della magistratura per collaborare per quanto di sua competenza. "Alla luce di quanto sopra - ribadisce il consorzio - ritieniamo utile e opportuno che la Regione non proceda oltre con la procedura di gara prima che sia ulteriormente meglio chiarito l’ambito di indagine".

Di tutt'altro avviso Autolinee Toscane.

“Ma come: dopo 5 anni di corsi, ricorsi e denunce e dei conseguenti pronunciamenti della giustizia amministrativa, dal Tar, alla Corte di Giustizia dell’UE e del Consiglio di Stato, Mobit ancora non riesce ad accettarne l’esito" ha commentato Bruno Lombardi, presidente di Autolinee toscane.

“L’ordinanza di oggi, ulteriore conferma che questa gara è stata gestita correttamente, ci consente di proseguire il lavoro che stiamo facendo per l’avvio della nuova gestione del trasporto pubblico localen - ha detto ancora il presidente di AT - Quanto all’indagine in corso, abbiamo fornito agli inquirenti la massima collaborazione e, non avendo nulla da nascondere, siamo fiduciosi ed auspichiamo che sia fatta chiarezza al più presto”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno