Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:12 METEO:FIRENZE19°27°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 28 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Biden fa la terza dose del vaccino Pfizer in diretta tv

Attualità sabato 22 aprile 2017 ore 16:45

Ustica, l'appello per Mario Ciancarella

Appello di Barbara Dettori a sostegno dell'ex capitano dell'aeronautica radiato nel 1983 con un atto giudicato falso dal tribunale di Firenze



FIRENZE — L'appello della figlia del radarista in servizio la sera della strage di Ustica è rivolto a tutti i sindaci italiani affinché prendano posizione "sulla salvaguardia dei principi costituzionali e la stessa democrazia di questo Paese" affinché sostengano la causa di Mario Ciancarella, l'ex capitano pilota dell'aeronautica militare radiato nel 1983 con un atto giudicato falso da una recente sentenza del tribunale di Firenze.

Barbara Dettori è la figlia del radarista di Poggio Ballone, Mario Dettori, in servizio la sera della strage di Ustica che confidò, scrive la donna nella lettera-appello sostenuta anche dall'associazione antimafia 'Rita Atria', a Ciancarella "ciò che vide nei radar quella maledetta notte" del 27 giugno 1980

La lettera invita i sindaci italiani a sottoscrivere l'appello rivolto al presidente della Repubblica in cui si chiede "che Mario Ciancarella venga ricevuto dal Capo dello Stato e dalle più alte cariche istituzionali, insieme alla sua famiglia, per riconoscergli l'onore civile e militare a lui dovuto per avere sacrificato la propria vita e quella dei suoi familiari sull'ara della fedeltà allo Stato Italiano; che venga riabilitato nell'Aeronautica con il conferimento del massimo grado spettante alla sua carica di ufficiale; che venga istituita una Commissione parlamentare che indaghi sugli scenari che questa sentenza ha riaperto e per accertare come sia stato possibile falsificare un Decreto Presidenziale per individuare le responsabilità, le dinamiche e i traditori dello Stato".

Mario Ciancarella è l'ultimo testimone vivente, anche se indiretto, di ciò che successe nei cieli di Ustica. "Per questo - prosegue la figlia di Dettori - l'ex ufficiale diventò presto scomodo al punto da indurre qualcuno molto in alto a falsificare, nell'ottobre 1983, la firma del Presidente Pertini nel Decreto Presidenziale di radiazione". 

Dopo il riconoscimento del falso da parte del tribunale fiorentino nessuna istituzione ha mai reintegrato l'ex ufficiale. 

La figlia di Dettori sottolinea anche che "la partita su Ustica è ancora aperta: dopo trent'anni, da quest'anno, grazie a un mio esposto predisposto con il supporto dell'associazione antimafie 'RitaAtria', che ne ha curato le indagini attraverso il direttivo eil suo avvocato, sono state riaperte le indagini sulla morte del maresciallo Dettori, mio padre, presso la Procura di Grosseto, e ciò mi fa sperare che finalmente si faccia luce su quello che èstato frettolosamente archiviato come suicidio, ma per fare luce su questa morte e su tutte le altre, è di fondamentale importanza la testimonianza di Mario Ciancarella, la cui voce continua ancora oggi a essere messa a tacere intrappolandolo in un processo kafkiano senza fine".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Si è suicidato in carcere l'uomo di 38 anni accusato di aver ucciso Chiara Ugolini, 27 anni, sua vicina di casa. Era stato bloccato a Firenze
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca