Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:20 METEO:FIRENZE7°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 28 gennaio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Usa, afroamericano ucciso dalla polizia: esplode la protesta

Attualità mercoledì 02 novembre 2016 ore 13:15

Un gufo di vedetta sul Comune

Foto di: pagina facebook Comune Torrita di Siena

Da alcuni giorni un esemplare di gufo reale ha trovato il suo avamposto nel balcone del Comune; da lassù il rapace vigila sull’intero territorio



TORRITA DI SIENA — È da qualche mese che il rapace, appartenente dalla famiglia delle Strigidi uccelli con abitudini prevalentemente notturne, volteggia per i cieli della Valdichiana. Lo scorso 13 agosto il rapce era stato avvistato a Montepulciano, per poi planare sui tetti della case del Comune di Torrita, fino a trovare nel palazzo comunale il suo nuovo appostamento.

Gli esperti dicono che si potrebbe trattare di un esemplare femmina, ma per capirlo meglio basta tendere l’orecchio e mettersi in ascolto: il maschio, a differenza della femmina, emette un cupo suono bitonale, udibile soprattutto nelle prime ore di buio ed emesso con maggiore regolarità nei mesi di febbraio, marzo e ottobre.

L’apertura alare di un gufo reale può arrivare fino a 2 metri per gli esemplari più grandi. Il piumaggio è bruno striato e barrato di nerastro superiormente e giallo brunastro con strie e vermicolature scure inferiormente. In Italia sono circa 680 gli esemplari e sono presenti ovunque tranne che in Sardegna e Sicilia. Sulle Apli nidifica fino al limite superiore delle foreste, prediligendo un'alternanza di piccole barre rocciose, boschi e zone aperte.

Il gufo reale si ciba principalmente di piccoli mammiferi, come lepri e conigli, ma anche altri uccelli come galli e fagiani, l’ora preferita per la caccia è l'alba e il crepuscolo.

Questo uccello notturno è tanto affascinante quanto misterioso. Nelle credenze popolari il gufo ha diverse accezioni, c’è chi dice porti male per via del verso cupo, la natura schiva e le abitudini notturne  e questo lo portano a farlo concepire come una creatura oscura e malignea affidandogli l'appellativo di "uccello del malaugurio"; ma c’è anche chi associa il gufo alla saggezza, nella tradizione fiabesca infatti questo rapace è quasi sempre rappresentato come un animale saggio ed erudito, che diffonde la sua cultura a tutta la comunità animale con cui entra in contatto, ma è anche molto pignolo e permaloso.

Insomma questo maestoso gufo da qualche giorno sta catalizzando l’attenzione di molti torritesi che cercano di cogliere nella sua presenza qualche segno premonitore.


© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il dottore, 42 anni, si è reso conto di quanto gli stava accadendo mentre era impegnato nel turno di notte. Corsa in ospedale in codice rosso
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Pierantonio Pardi

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Cronaca