Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:05 METEO:FIRENZE10°17°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 13 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Stupro o sesso consenziente? Alcol, chat, testimonianza. Cosa dicono i giudici che i nostri figli devono sapere

Attualità mercoledì 06 gennaio 2021 ore 15:13

Razzia di medaglie nella casa dei partigiani

Sede Anpi - Foto di Luca Coccoli
Sede Anpi - Foto di Luca Coccoli

Hanno forzato i locali ed hanno messo a soqquadro la sede dell'Anpi per poi scappare con i cimeli della seconda Guerra mondiale e della Resistenza



VIAREGGIO — I ladri sono entrati nella sede Anpi di Viareggio e della deputazione versiliese dell'Istituto storico della resistenza in provincia di Lucca dove hanno portato via i cimeli della seconda Guerra mondiale e della Resistenza, ma anche compiendo atti di vandalismo.

Tra gli oggetti rubati una testa in bronzo del versiliese Luigi Salvadori, realizzata da Leonida Parma, un bracciale del Comitato di liberazione nazionale risalente al 1944/45, medaglie e riconoscimenti della seconda guerra mondiale e della resistenza, quattro bandiere dell'Anpi e due quadri.

"Sono stati rubati cimeli che rappresentano la storia di Viareggio, che ricordano un periodo fondamentale della nostra memoria, quello della Resistenza e della Liberazione" ha commentato il presidente Anpi, Luca Coccoli che ha scoperto il furto ed ha dato l'allarme.

"Indignazione per quanto successo e piena solidarietà all’Anpi di Viareggio e alla deputazione versiliese dell'istituto storico della resistenza, luogo dei valori della lotta antifascista, che è stato oggetto di atti vandalici e furto" ha detto l’assessora della Regione Toscana, Alessandra Nardini.

Nardini ha aggiunto "Auspico che gli inquirenti facciano al più presto luce su quanto è avvenuto, risalendo ai responsabili. Quello che è certo è che si tratta di un episodio da non sottovalutare, che rappresenta un oltraggio ai valori che sono a fondamento delle nostre istituzioni e del nostro stesso vivere civile. Non si tratta solo di cimeli sottratti, perché quei cimeli hanno un grande valore storico e civile, rappresentano la lotta per libertà e democrazia. Per questo non trascuriamo quanto successo a Viareggio e sapremo reagire come abbiamo fatto per altri episodi, per esempio lapidi di partigiani vandalizzate o scritte che inneggiano al nazifascismo. A fronte di tutto questo, come governo regionale, intendiamo tutelare e promuovere, con ancora maggiore forza, la cultura democratica e la memoria viva, coinvolgendo soprattutto le generazioni più giovani" ha concluso.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Regione ha predisposto un calendario che prevede, dal 12 al 15 Maggio, l'apertura graduale delle agende. Ma scarseggiano i posti per i sessantenni
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Monica Nocciolini

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità