Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:23 METEO:FIRENZE13°18°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 20 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Ad oggi l'Italia ha assegnato 11 milioni di vaccini: 3 milioni a Vietnam e Indonesia»

Cronaca mercoledì 05 maggio 2021 ore 18:20

Vivono nel lusso ma instascano il reddito di cittadinanza

Guardia di Finanza

Imprenditore lavorava al nero mentre la moglie percepiva il sostegno. La coppia ha anche acquistato un'auto di grossa cilindrata e una casa



PROVINCIA DI AREZZO — Una famiglia da tempo residente nel Casentino ha percepito indebitamente il reddito di cittadinanza per oltre due anni senza averne diritto. Il sostegno, come è noto, è destinato alle persone più bisognose, senza lavoro o che lo hanno perso. Ma i "furbetti" non l'hanno fatta franca e sono stati smascherati dalla Guardia di Finanza. E non è finita qui. Dalle indagini delle Fiamme Gialle è emerso che il capofamiglia svolgeva una fiorente attività imprenditoriale di raccolta di rifiuti completamente “in nero” e senza alcuna autorizzazione, che gli avrebbe fruttato, dal 2016 in poi, 120mila euro di redditi sottratti alle tasse.

Gli investigatori hanno appurato che l’attività illecita aveva consentito all’imprenditore di mantenere un buon tenore di vita, acquistare un’autovettura di grossa cilindrata, sostenere gli studi universitari dei figli, con alloggio fuori provincia, ed acquistare una casa pur beneficiando dell’assegnazione di un alloggio popolare. Nelle dichiarazioni sostitutive presentate per l’ottenimento del reddito di cittadinanza, la moglie aveva invece dichiarato che il nucleo familiare era privo di reddito e di patrimonio immobiliare.

Alla fine la coppia è stata denunciata all’Autorità Giudiziaria per violazione del decreto legge istitutivo del reddito di cittadinanza e dovrà restituire gli oltre 12mila euro incassati ingiustamente. L'imprenditore è stato anche deferito alla Procura di Arezzo anche per violazione del Codice dell’cmbiente, in quanto sprovvisto delle autorizzazioni per l’attività organizzata di raccolta di rifiuti.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incidente è avvenuto nel pomeriggio. Il piccolo ha 4 anni ed è grave. La mamma e il bimbo sono stati trasferiti con l'elisoccorso in ospedale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità