Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:25 METEO:FIRENZE15°26°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 03 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Dentro Bakhmut deserta, tra colpi di artiglieria e carri armati. Qui il centro della battaglia per il Donbass

Cronaca mercoledì 06 giugno 2018 ore 10:54

Consip, Scafarto reintegrato nel servizio

Giampaolo Scafarto - foto dalla trasmissione Bersaglio mobile di La 7

La Cassazione ha respinto il ricorso della procura. L'ufficiale dei carabinieri, accusato di falso e rivelazione di segreto, può tornare al lavoro



ROMA — Il maggiore dei Carabinieri Giampaolo Scafarto, indagato-chiave nell'inchiesta sugli appalti della centrale acquisti dello Stato Consip, può tornare in servizio: la Corte di Cassazione ha respinto il ricorso presentato dalla procura di Roma contro la sentenza del Tribunale del Riesame che aveva annullato la la sua interdizione dal servizio per un anno.

Scafarto ha fatto parte del team investigativo che ha lavorato per portare alla luce episodi di corruzione in un appalto da due miliardi e settecento milioni bandito dalla Consip (vedi qui sotto gli articoli collegati). Nel corso dell'inchiesta, è stato a sua volta indagat,o prima per falso e poi per rivelazione di segreto d'ufficio. In particolare la procura ha ipotizzato che l'ufficiale abbia volutamente alterato alcune parti delle informative a loro inviate allo scopo di aggravare la posizione del padre dell'allora premier Matteo Renzi, Tiziano, accusato di traffico di influenze illecite. Per quanto riguarda la rivelazione di segreto d'ufficio, il riferimento è ad alcune informazioni inviate da Scafarto al colonnello Sergio De Caprio, estraneo alle indagini sulla Consip.

Secondo i giudici di Cassazione, Scafarto non avrebbe commesso queste azioni con intento doloso, nel caso di Tiziano Renzi perchè nella stessa informativa erano presenti altri elementi indiziari consistenti a carico del padre dell'ex premier, nel caso delle email a De Caprio perchè, pur essendo la trasmissione dei file un fatto oggettivo, “permane perplessità per quel che riguarda la configurabilità del reato sotto il profilo della sussistenza del concreto pericolo per la Pubblica amministrazione attesa la qualità dei soggetti ai quali sono stati trasmessi i file”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'hanno trovato nella notte accasciato su una panchina. Sul posto carabinieri e soccorritori del 118. E' stato intubato, poi la corsa in ospedale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità