Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:41 METEO:FIRENZE12°19°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 14 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Gaza, l'esercito israeliano attacca con forze aeree e truppe via terra

Attualità lunedì 03 maggio 2021 ore 08:52

Varianti Covid, più ricoveri anche tra i giovani

La conferma viene da uno studio europeo condotto in sette nazioni da cui emerge la maggior probabilità di ricovero per ogni fascia di età



FIRENZE — Le varianti del Sars-Cov2 più diffuse in Europa sono più pericolose anche per i giovani e aumentano il rischio di ricovero in ospedale nelle fasce d'età tra i 20 e i 39 anni, 40 e 59 ma anche tra chi ha meno di 19 anni.

Le varianti, inglese, brasiliana e sudafricana al centro di un nuovo studio europeo che ha compreso sette Paesi tra cui l'Italia. Secondo i primi dati dello studio pubblicati sulla rivista scientifica del centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) le varianti del virus  più diffuse in Europa, in misura diversa, provocano un aumento dei ricoveri in area medica e in terapia intensiva anche tra i pazienti più giovani.

La ricerca è stata condotta su più di 23.300 casi provocati da varianti, selezionati fra i 3.2 milioni complessivi registrati a Cipro, Estonia, Finlandia, Irlanda, Italia, Lussemburgo e Portogallo nel periodo compreso fra metà Settembre 2020 e metà Marzo 2021.

In questi Paesi la variante inglese risulta essere quella più diffusa ed è stata riscontrata in 3.730 bambini e ragazzi fino ai 19 anni, ovvero il 19,4% dei casi. Poi in 6.005 giovani tra i 20 e i 39 anni (31,3%) e in 6.151 persone tra i 40 e i 59 anni (32%). Meno i casi sulle fasce d’età più avanzate. Il rischio di ricovero è tre volte maggiore nella fascia 20-39 e 2,3 volte più alto in quella 40-59 anni, mentre i ricoveri in terapia intensiva sono ritenuti simili. 

Per la variante sudafricana la diffusione è vasta tra i 20 e i 29 anni (147 casi, il 33,7%) e sotto i 19 anni (il 13,8%). Con questa variante il rischio di ricovero è circa 3,5 volte maggiore per la fascia 40-59 anni (con aumento anche dei casi in terapia intensiva). 

La variante brasiliana è stata riscontrata soprattutto nella fascia 40-59 anni (30,7%) e sotto i 19 anni (22,4%). Il rischio di ricovero, invece, aumenta tra le 3 e le 13,1 volte nei gruppi 20-39, 40-59 e 60-79. Mentre i ricoveri in terapia intensiva aumentano da 2,9 a 13,9 volte nei gruppi 40-59, 60-79 e negli over 80.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Gravissimo incidente la notte scorsa, un ragazzo ha subito l'amputazione di entrambe le gambe. È ricoverato in prognosi riservata
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità