Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:FIRENZE16°21°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 25 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Lavrov all'Onu: «L'Occidente vuole smembrare e cancellare la Russia»

Politica sabato 16 maggio 2015 ore 13:42

"Diamo le royalties di Solvay alla Val di Cecina"

L'idea di Fattori, candidato governatore della lista Si - Toscana a Sinistra: mettere in sicurezza il territorio sfruttando le concessioni minerarie



FIRENZE — Il primo a pensare a questa soluzione era stato il sindaco di Volterra, Marco Buselli. Il primo a rispondere positivamente all'appello è invece Tommaso Fattori, candidato governatore per la lista Si - Toscana a Sinistra, che ha sposato l'idea di destinare parte dei 3 milioni di euro che la Solvay versa ogni anno allo Stato e alla Regione per le concessioni minerarie, per utilizzarli per la messa in sicurezza del territorio della Val di Cecina.

"Ci impegneremo affinché la Regione destini parte delle royalties della Solvay, per le concessioni minerarie, a Saline di Volterra - ha detto Fattori - per la sua messa in sicurezza idrogeologica ed il suo sviluppo ambientale e produttivo".

"E' doveroso - ha proseguito Fattori - che ci sia un equa distribuzione delle royalties fra tutti i territori interessati, ma soprattutto è doveroso che quanto ricevono governo ragionale e nazionale sotto questa forma torni in quantità assai più sostanziosa ai territori".

L'occasione è stata colta da Fattori per ampliare lo sguardo e chiedere la stipula di un accordo di programma ad hoc con la Solvay di Rosignano per limitare l'impatto dell'attività industriale sull'ambiente tutelando i livelli occupazionali

"Un accordo quadro ci vuole - ha spiegato Fattori - e deve coinvolgere anche il governo affinché si trovino soluzioni che,tutelando l'attività economica,riducano drasticamente l'uso di acqua potabile per fini industriali: questo significa realizzare un circuito il più possibile chiuso per le acque industriali, impianti di depurazione modernizzati, così da ridurre gli scarichi a mare. Ed inoltre l'impegno a realizzare un dissalatore, che svincoli l'uso della risorsa idropotabile per fini industriali o almeno ne riduca la consistenza, sempre meno sostenibile".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
E' morto sul posto nonostante i tentativi di rianimazione il ragazzo di 26 anni alla guida dell'auto coinvolta nel drammatico incidente
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca