comscore
Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 21°29° 
Domani 20°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 21 settembre 2020
Giani
93.739
 
48.00%
Ceccardi
80.676
 
41.00%
Galletti
12.125
 
6.00%
Vigni
828
 
0.00%
Fattori
4.328
 
2.00%
Barzanti
1.449
 
0.00%
Catello
1.988
 
1.00%
corriere tv
Giù dalla scogliera con la tuta alare: il video di un volo di Alessandro Tovazzi

Attualità venerdì 17 gennaio 2020 ore 18:15

Economia circolare, siglato il patto del tessile

L'intesa siglata fra Regione, Comune di Prato, associazioni di categoria e Alia per favorire il riutilizzo e il corretto smaltimento degli scarti



FIRENZE — Il Distretto del tessile pratese si avvia verso l’economia circolare con il ‘Patto per il Tessile’ siglato oggi tra Regione Toscana, Comune di Prato, Alia servizi ambientali e, per il Distretto, Confindustria Toscana Nord, Cna Toscana, Confartigianato Toscana e Astri (l’associazione del tessile riciclato).

L’obiettivo del patto è favorire la formazione di filiere certe e stabili dalla lavorazione delle materie prime fino alla destinazione finale degli scarti, sia che si possa reimpiegarli sia che si proceda con lo smaltimento in discarica o l'incenerimento. 

“Il documento che firmiamo - ha detto il presidente Enrico Rossi - ribadisce la grande competitività internazionale, non solo europea, di questo distretto produttivo dentro una logica del futuro, quella del riuso, del riciclo, così da evitare quanto più possibile l’impatto delle produzioni, utilizzando materia seconda e certificando produzioni della Toscana. Dopo il patto firmato con il distretto del cuoio, quello odierno è un altro tassello che rende la nostra regione all’avanguardia".

Nella stessa logica di economia circolare, la Giunta regionale approverà anche le linee guida (predisposte in collaborazione con Arpat, Arrr e associazioni di categoria) per l'applicazione del regime di sottoprodotto nell'industria tessile, allo scopo di migliorare le prestazioni del distretto pratese proprio a partire dalla sua sostenibilità ambientale e dall'individuazione di nuovi sottoprodotti sottratti al regime dei rifiuti.

“E' stato un lavoro lungo – ha detto l’assessore regionale all’ambiente Federica Fratoni - che ha visto operare fianco a fianco Regione e Comune e le rappresentanze di Confindustria, Confartigianato, Cna, Astri per consentire al distretto di superare, nella gestione degli scarti della lavorazione, la frammentazione data dalle piccole e micro imprese sperando di incidere positivamente anche sui costi. A questo punto diventa strategico lavorare per cercare, in primo luogo, di ridurre ulteriormente la quantità di rifiuti individuando nuovi sottoprodotti e nuovi prodotti realizzati dagli stessi rifiuti, nonché per assicurare una destinazione certa ai rifiuti per una maggiore tutela ambientale e per non appesantire gli oneri a carico delle imprese , molte delle quali di dimensione familiare”.

Il Patto per il Tessile

Il ‘Patto per il Tessile’ tra Regione, Alia e Distretto del tessile mette in campo politiche e azioni rivolte a favorire lo sviluppo dell’economia circolare del distretto del tessile.

La Regione Toscana considererà le esigenze del distretto e più in generale dei distretti produttivi anche in previsione che vengano realizzati in Toscana nuovi impianti di economia circolare. Inoltre, manterrà viva un’attività di confronto con la Commissione Europea per lo sviluppo di azioni di prevenzione, recupero, riciclo e riuso degli scarti del distretto. Allo scopo di promuovere processi di ricerca, la Regione si impegna anche a definire accordi di collaborazione scientifica con le università toscane.

Alia Spa presenterà la richiesta di modifica dell’autorizzazione all’esercizio dell’impianto al Ferrale, nel fiorentino, e richiederà l’autorizzazione al trattamento di rifiuti speciali caratteristici delle aziende del distretto tessile pratese.

Il Distretto del tessile solleciterà le imprese ad accrescere la qualità della selezione dei propri rifiuti per favorirne il trattamento, definirà progetti per le riduzione e il riciclo degli scarti delle produzioni, realizzerà approfondimenti sul riuso diretto nel ciclo industriale e individuerà possibili modalità di recupero energetico e di smaltimento.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Imprese & Professioni

Attualità