Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:15 METEO:FIRENZE10°14°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 06 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Putin al volante di una Mercedes sul ponte di Crimea

Attualità sabato 09 agosto 2014 ore 20:21

Eterologa, la Toscana non molla

Lo ha ribadito il governatore Rossi dopo la decisione del governo Renzi di lasciare al Parlamento la predisposizione delle nuove norme



FIRENZE — Dopo che la Corte costituzionale ha cancellato il divieto per le coppie di ricorrere alla fecondazione assistita eterologa (quindi con il contirbuto di un donatore esterno), la giunta regionale ha adottato un proprio regolamento per effettuarla anche nelle strutture pubbliche toscane in attesa che  il consiglio dei ministri varasse un apposito decreto legge. Ma, a sorpresa, il governo Renzi ha respinto la proposta del ministro alla salute Lorenzin passando la questione al Parlamento. 

Nel caos che ne è seguito, la Regione Toscana ha mantenuto la propria posizione e anche stasera il presidente Rossi ha dichiarato ai microfoni del Gr2 che ''non esiste una legislazione che vada contro la Consulta e credo che il problema sia di regolare l'attuazione della fecondazione eterologa attraverso metodiche tecniche''.

''Noi ci siamo mossi senza alcuna polemica contro il governo Renzi con una delibera 'cedevole' - ha proseguito Rossi - Quando ci saranno le linee guida nazionali, le adotteremo anche noi. Siamo convinti che sia giusto superare una situazione di far west in cui i centri privati possono agire mentre quelli pubblici dovrebbero stare fermi. Ci auguriamo che queste regole nazionali ci siano presto. In assenza di questo, c'è competenza delle regioni in materia sanitaria che abbiamo sentito il dovere di esercitare''.

“Regolamentando da subito la fecondazione eterologa, la Toscana conferma la sua attenzione ai diritti - ha ribadito la responsabile del sanità e welfare del PD toscano, Stefania Magi - Si evita il vuoto normativo seguito alla sentenza della Corte costituzionale e si danno regole agli operatori ed alle coppie che potranno, anche nell'attesa di linee guida nazionali, accedere a tale servizio in base al bisogno ed alle proprie scelte e non saranno più discriminate in base alla capacità economica di recarsi all'estero. La delibera della Giunta regionale ha contribuito al pressing sul ministero della salute. Il Pd della Toscana è fiducioso che il Parlamento garantirà l'anonimato e la compatibilità delle caratteristiche dei donatori, come richiesto anche dalle società scientifiche, rendendo effettivo il diritto ad accedere alla fecondazione eterologa in Italia, già oggi affermato in Toscana”.

''La delibera toscana è un atto di grande valore che evita il disordine - ha dichiarato la consigliera del Pd toscano Daniela Lastri - le tante coppie che optano per la fecondazione eterologa adesso hanno certezza degli standard di sicurezza nei centri accreditati della Regione. Se tutte le regioni avessero fatto atti simili ora avremmo più forza per ridiscutere alcune scelte del Governo che, se si concretizzeranno come annunciato, finirebbero per mettere ancora paletti all’accesso a questa forma di procreazione assistita. E a chi dai banchi dell’opposizione ha parlato di figuraccia, rispondo piuttosto che quella della Toscana è una figura esemplare a livello nazionale, essendo stata la regione che per prima ha messo mano a una materia importante, concretizzando quanto sancito dalla Corte costituzionale con la bocciatura della legge 40 e dando finalmente regole certe per tante coppie sterili che desiderano avere figli, con linee guida all’avanguardia”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Enrico Rossi su fecondazione eterologa - dichiarazione del 28 Luglio 2014
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno