Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:55 METEO:FIRENZE10°20°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 28 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Beppe Sala, le minacce la pazienza e l'incoscienza

Attualità lunedì 20 settembre 2021 ore 22:27

Personale sanitario in rivolta, la Regione corre ai ripari

Bezzini: "Alcune istanze verranno accolte già nella prossima giunta". ll personale no vax sospeso sarà sostituito con contratti a termine di 1 mese



FIRENZE — Nel giorno in cui i delegati di Cgil, Cisl e Uil del servizio sanitario regionale hanno proclamato lo stato di agitazione per protestare contro la carenza di personale e il blocco delle assunzioni deciso dalla Regione per un deficit da 430 milioni di euro nel bilancio sanitario (vedi qui sotto gli articoli collegati), l'assessore regionale alla salute Simone Bezzini tenta di calmare le acque precisando in una nota che "alcune istanze" avanzate dai sindacati "verranno accolte già nella prossima riunione della giunta regionale".

Bezzini ha spiegato che, ai primi di Agosto, per tenere in equilibrio necessità di bilancio e continuità dei servizi, il dipartimento regionale ha deciso di autorizzare le assunzioni richieste dalle aziende sanitarie solo sulla base di "comprovate necessità e gerarchie di priorità". 

"Nell’ultimo mese e mezzo sono state così autorizzate oltre 600 tra assunzioni e proroghe - scrive Bezzini - Quindi non siamo di fronte ad un blocco ma ad un metodo che si basa sul tenere insieme le esigenze operative delle aziende con una gestione oculata e attenta degli aspetti finanziari”.

Le assunzioni o proroghe di assunzioni autorizzate dal 5 agosto 2021 in poi comprendono 259 medici, 185 amministrativi destinati prevalentemente ai Cup, 107 infermieri, 52 tecnici, 2 ingegneri, 1 fisioterapista e si sono aggiunte a quelle già formalizzate nel 2020 e nella prima parte del 2021. Ma, secondo Cgil,Cisl e Uil, sono comunque insufficienti visto che, al momento, mancano all'appello negli organici delle strutture sanitarie toscane 600 medici e 1.200 fra infermieri e operatori socio-sanitari.

“Comprendiamo bene le difficoltà evidenziate dai professionisti e le preoccupazioni dei sindacati con i quali nelle prossime settimane proseguirà il confronto a partire dai temi posti alla base della proclamazione dello stato di agitazione - prosegue Bezzini - Siamo al lavoro per dare risposte e alcune istanze verranno raccolte già nella prossima riunione di Giunta. Se lo Stato rimborserà alle Regioni le maggiori spese sostenute per l’emergenza Covid, le maglie di regolazione della spesa potranno gradualmente allentarsi, su questo abbiamo assunto un’iniziativa forte in Conferenza delle Regioni".

A dire la verità le organizzazioni sindacali protestano anche per la scarsità di comunicazioni e di confronto che avrebbe caratterizzato negli ultimi mesi le loro relazioni con i vertici delle Asl e della Regione ma evidentemente, su questo fronte, lo stato di agitazione ha già prodotto qualche effetto, viste le rassicurazioni arrivate in serata dall'assessore Bezzini.

Per quanto riguarda invece il personale che non si è vaccinato contro il Covid ed è quindi stato sospeso dal servizio senza stipendio come chiesto dal governo, la direzione sanità della Regione ha disposto che venga sostituito tempestivamente con forme contrattuali flessibili a breve termine, "tendenzialmente tempo determinato o lavoro in somministrazione per il comparto e contratti libero-professionali per i medici" precisa Bezzini. 

"I contratti ‘per sostituzione’ dovranno essere a brevissimo termine, nell’ordine di un mese circa, con esplicita previsione di rinnovo, in modo da permettere il rientro degli operatori sospesi che decidano successivamente di ottemperare all’obbligo vaccinale senza significative sovrapposizioni con i sostituti e quindi senza aggravio di spesa per il sistema" conclude l'assessore.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il ragazzo e la ragazza erano appartati in auto nella zona delle Cascine. L'aggressore ha 25 anni ed è accusato di tentato omicidio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Toscani in TV

CORONAVIRUS

Cronaca