Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:20 METEO:FIRENZE7°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 06 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Audio - Dentro la macchina di Messina Denaro con la foto scattata da lui: «Sono fermo per sta commemorazione della m...»

Attualità martedì 28 luglio 2020 ore 17:32

Covid, crescita di casi nell'est Europa

In Bulgaria, Romania e Albania i contagi sono in crescita così come i decessi. Nel mondo superati i 16 milioni di positivi, i morti sono oltre 600mila



FIRENZE — La pandemia di Covid-19 continua la sua avanzata nel mondo e dopo aver invaso Europa centrale, Stati Uniti e Sudamerica adesso si sta diffondendo in altre parti del mondo, tanto che i nuovi contagi giornalieri continuano ad essere oltre 250mila.

Una situazione che riguarda da vicino l'Italia è quella che si sta sviluppando nell'est Europa. Ieri il ministro della salute, Roberto Speranza ha firmato una nuova ordinanza che ordina la quarantena per i cittadini che negli ultimi 14 giorni hanno soggiornato in Romania e Bulgaria. Una misura che è già in vigore per tutti i paesi extra-UE ed extra-Schengen.

Le situazioni più delicate sono proprio in Romania e Bulgaria, paesi di 19 e 7 milioni di abitanti (l'Italia ne ha 60). 

In Romania i casi totali sono 47mila e i morti più di 2200. Nell'ultima settimana gli incrementi giornalieri sono stabilmente sopra i mille, cifra mai raggiunta nei mesi scorsi. Il 21 luglio è stato il giorno con più morti: 36.

In Bulgaria i casi totali sono 10621 e i morti 347. Da luglio i nuovi positivi hanno un trend crescente e per due volte sono stati 330 in 24 ore (il 9 e il 22 luglio).

In Albania, altro stato sotto la lente di ingrandimento, nell'ultima settimana per tre volte i nuovi casi hanno superato la cifra di 100. Negli ultimi 3 giorni per due volte ci sono stati sei morti, picco massimo dall'inizio dell'epidemia.

Altri stati i cui cittadini positivi erano rientrati in Italia sono Perù e Bangladesh. In entrambi i paesi la situazione continua a essere molto delicata. Lo stato sudamericano è uno dei più colpiti del mondo, il settimo, dopo Stati Uniti, Brasile, India, Russia, Sudafrica e Messico. In Perù ci sono stati oltre 389mila casi accertati e 18418 deceduti. Gli abitanti sono 19 milioni.

Il Bangladesh è il 16esimo paese al mondo con più positivi, 229mila. Al quindicesimo posto c'è l'Italia con 246mila. Il conto dei decessi è diverso: in Italia sono oltre 35mila, nello stato asiatico tremila. Gli abitanti del Bangladesh sono 164 milioni, quasi tre volte l'Italia.

Nel resto del mondo. Gli Stati Uniti continuano a conteggiare positivi e morti, inesorabilmente. Da inizio luglio gli incrementi giornalieri sono stabilmente sopra i 50mila, spesso sopra i 60mila e il 24 luglio c'è stato il picco con quasi 78mila nuovi positivi. I positivi accertati sono quasi quattro milioni e mezzo. I morti hanno raggiunto e superato quota 150mila. Gli Usa hanno 330 milioni di abitanti.

Situazione drammatica anche in Brasile dove i morti sono quasi 88mila e i positivi quasi due milioni e mezzo. Il Brasile ha 212 milioni di abitanti.

Nell'immensa India (un miliardo e 380 milioni di abitanti) i casi accertati sono un milione e mezzo, i deceduti quasi 34 mila. In Russia e Sudafrica, a fronte di molti positivi (820mila e 450mila) i decessi sono più contenuti. In Messico i morti hanno raggiunto quota 44mila, con incrementi che da settimane sono nell'ordine delle centinaia. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il violento impatto ha coinvolto un'auto e un furgoncino. Due tra i feriti sono in condizioni più serie. Altri incidenti a Sinalunga e a Lucca
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cronaca