Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 23:09 METEO:FIRENZE18°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 28 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Covid, a Milano folla sui Navigli nell'ultimo weekend in fascia gialla

Lavoro mercoledì 25 novembre 2020 ore 20:20

Dalla Regione 124 milioni di euro alle imprese

Marras, Giani e Casini Benvenuti
Marras, Giani e Casini Benvenuti

Si tratta di finanziamenti a fondo perduto e sono destinati a 2001 attività toscane, le cui domande sono state accolte nei due bandi di settembre



FIRENZE — Sono 2001 le imprese toscane che riceveranno 124 milioni di euro di finanziamenti a fondo perduto dalla Regione Toscana per i due bandi di settembre relativi a nuovi investimenti. Il punto sulla situazione delle domande è stato fatto a Palazzo Strozzi Sacrati dal presidente della Regione Eugenio Giani, dall'assessore all'economia e al turismo Leonardo Marras e dal direttore di Irpet, Stefano Casini Benvenuti. Le aziende che hanno presentato le domande operano nel settore manifatturiero, del turismo e del commercio e sono sia piccole che medie imprese.

Il primo bando prevede contributi alle imprese che da febbraio hanno sostenuto o sosterranno investimenti materiali o immateriali. Per questo bando sono stati erogati 114 milioni di euro. I restanti 10 sono destinati al secondo bando, dedicato a microinnovazione e digitalizzazione. Questi finanziamenti andranno a sostenere investimenti per oltre 261 milioni di euro.

Sono state tremila le imprese che hanno fatto domanda, 200 quelle non ammesse mentre 976 sono state accolte, ma non ancora finanziate e prevedono finanziamenti per 53 milioni di euro che genererebbero investimenti per 113 milioni di euro.

“Quello che anche questi numeri ci dicono – hanno spiegato Giani e Marras – è la grande voglia di investire da parte dell’impresa toscana. Di questo terremo conto nella programmazione regionale dei fondi strutturali e del contributo al Recovery Fund”. 

Le perdite nei bilanci delle aziende innescate dalla crisi sanitaria sono tali che sui ristori può intervenire solo lo Stato: “Non abbiamo risorse adeguate per questo – ha detto Marras - Il ruolo della Regione dovrà essere semmai quello di accompagnare il più possibile le imprese in questa fase di resilienza”.

L’azione di sostegno agli investimenti messa in campo tra luglio e settembre è stata un’operazione gigantesca e senza precedenti per la Regione per le risorse, la velocità con cui è stata chiusa e per il fatto di prevedere contributi a fondo perduto: “Come maggioranza avevamo auspicato la necessità di interventi più mirati rispetto al solo sostegno al credito - ha chiarito Giani – e, non appena la legislazione nazionale ha messo a disposizione nuovi strumenti, assieme alla precedente giunta abbiamo deciso di procedere: con aiuti per chi investe e che per chi ha deciso di mettersi in gioco in questa fase difficile. La risposta ci fa capire che questo tessuto di piccole e medie imprese è reattivo: chiede anche ristori, ma con la prospettiva di andare avanti”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità