Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:15 METEO:FIRENZE12°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 06 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo, Achille Lauro vestito da sposa bacia Boss Doms e duetta con Fiorello

Attualità martedì 20 ottobre 2020 ore 10:36

Doccia fredda sui congressi messi al palo dal Dpcm

Gli operatori toscani del settore in rivolta contro la norma che li consente solo in modalità online. In presenza solo fiere ed eventi internazionali



FIRENZE — Il nuovo decreto anti-Covid varato domenica dal Governo è piombato come una doccia gelata sul settore dei congressi che in Toscana, già dalla fine del "lockdown" a maggio, sperava nell'autunno per riprendersi dalla botta dello stop imposto durante la prima fase dell'emergenza sanitaria. E invece è arrivata la norma che impone lo svolgimento in presenza solo delle fiere di carattere internazionale mentre i congressi e convegni possono essere svolti solo in modalità online. Il tutto per evitare occasioni di contatto potenziali veicoli di contagio. 

Dopo il varo del decreto, sono arrivate subito le repliche dalle categorie del commercio, dell'industria e anche del turismo, cioè di tutti i settori direttamente coinvolti dalla decisione.

Lo stop, ha detto Carlotta Ferrari, direttrice del Firenze Convention Bureau "è una doccia fredda perché è assolutamente inaspettato, rispetto anche a quanto avevamo precedentemente discusso con il Mibact". Da qui la richiesta di un incontro con il governo:  "E' indispensabile - sostiene - che il governo si sieda con i rappresentanti di questa industria che da tempo mandano appelli accorati, l'ultimo in ordine cronologico stamani da Federcongressi&eventi, e che vengano trovate nel frattempo soluzioni immediate per la tutela dei lavoratori, perché al termine della Cassa integrazione non sappiamo veramente come fare, e a sostegno delle imprese".

L'obiezione principale che arriva dalle categorie direttamente toccate dalla nuova stretta è che fiere e convegni "sono l'unico settore dove vi è un'applicazione strettissima dei protocolli di sicurezza", mentre "sono stati tenuti aperti ristoranti, pub, palestre, addirittura le sale bingo, e vengono ammesse le fiere che comunque implicano una una maggiore circolazione delle persone, con minore controllo del distanziamento".

C'è poi anche un altro margine di incertezza perché "non è chiara la tipologia di eventi che viene ricompresa nella definizione più ampia di convegni e congressi - ha aggiunto Ferrari-  quindi noi non sappiamo neppure quali pochi eventi sono ammessi".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità