Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:38 METEO:FIRENZE11°15°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 09 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Il video dello scambio in aeroporto tra Brittney Griner e Viktor But

Lavoro sabato 28 maggio 2016 ore 13:22

Fuori tutti, la grande distribuzione in sciopero

Cortei e presìdi dei lavoratori davanti ai centri commerciali in tutte le province della Toscana: da Firenze a Massa, passando per Livorno e Lucca



FIRENZE — Sciopero indetto da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, con lo slogan: “Fuori Tutti, ancora più forte” per le lavoratrici e i lavoratori della grande distribuzione organizzata aderente a Federdistribuzione. Si è rotta infatti, a causa delle richieste inaccettabili dell’associazione datoriale, la trattativa per la definizione del contratto nazionale. 

A subirne le conseguenze sono i dipendenti, senza un quadro normativo di riferimento, senza aumenti contrattuali ormai da ottobre 2013, a differenza dei colleghi delle imprese di Confcommercio, e in balia delle decisioni, a volte ricattatorie, delle aziende. Per la terza volta in meno di sette mesi, le lavoratrici e i lavoratori scenderanno in piazza per far sentire la loro protesta, ancora più forte.

In Toscana in ogni provincia sono previsti presìdi e vele in strada davanti ai centri commerciali a Esselunga, Ikea, Carrefour, La Rinascente, Coin, Metro, Pam, Panorama, Leroy Merlin, Zara, Penny, Decathlon, Bricoman, Bricocenter, Universosport, Ovs. 

“I lavoratori e le lavoratrici del settore interessati in Toscana dallo sciopero sono circa 35 mila, guadagnano poco più di 1.100 euro se a tempo pieno, ma oltre il 70 per cento degli occupati sono a part time 'involontario', la maggioranza sono donne e molti sono i giovani. Le aziende di Federdistribuzione negando il Contratto Nazionale non rispettano i diritti dei lavoratori, perché per rinnovarlo vogliono peggiorarne norme e regole; sul salario, dopo 30 mesi senza nessun aumento, si vorrebbero liquidare i lavoratori erogando unilateralmente 15 euro! Non possiamo accettare che si rinnovi il Contratto solo se a pagarlo sono i lavoratori. L'appello che facciamo per sabato ai cittadini è di non fare la spesa in quel giorno nelle aziende aderenti a Federdistribuzione, per un consumo rispettoso dei diritti dei lavoratori”, ha detto Cinzia Bernardini, segretaria generale Filcams Cgil Toscana.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno