comscore
Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 17°26° 
Domani 17°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 07 giugno 2020
corriere tv
Incidente Arezzo, al Tg1 le immagini dell'auto che sbanda prima dell'impatto

Lavoro sabato 28 maggio 2016 ore 13:22

Fuori tutti, la grande distribuzione in sciopero

Cortei e presìdi dei lavoratori davanti ai centri commerciali in tutte le province della Toscana: da Firenze a Massa, passando per Livorno e Lucca



FIRENZE — Sciopero indetto da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, con lo slogan: “Fuori Tutti, ancora più forte” per le lavoratrici e i lavoratori della grande distribuzione organizzata aderente a Federdistribuzione. Si è rotta infatti, a causa delle richieste inaccettabili dell’associazione datoriale, la trattativa per la definizione del contratto nazionale. 

A subirne le conseguenze sono i dipendenti, senza un quadro normativo di riferimento, senza aumenti contrattuali ormai da ottobre 2013, a differenza dei colleghi delle imprese di Confcommercio, e in balia delle decisioni, a volte ricattatorie, delle aziende. Per la terza volta in meno di sette mesi, le lavoratrici e i lavoratori scenderanno in piazza per far sentire la loro protesta, ancora più forte.

In Toscana in ogni provincia sono previsti presìdi e vele in strada davanti ai centri commerciali a Esselunga, Ikea, Carrefour, La Rinascente, Coin, Metro, Pam, Panorama, Leroy Merlin, Zara, Penny, Decathlon, Bricoman, Bricocenter, Universosport, Ovs. 

“I lavoratori e le lavoratrici del settore interessati in Toscana dallo sciopero sono circa 35 mila, guadagnano poco più di 1.100 euro se a tempo pieno, ma oltre il 70 per cento degli occupati sono a part time 'involontario', la maggioranza sono donne e molti sono i giovani. Le aziende di Federdistribuzione negando il Contratto Nazionale non rispettano i diritti dei lavoratori, perché per rinnovarlo vogliono peggiorarne norme e regole; sul salario, dopo 30 mesi senza nessun aumento, si vorrebbero liquidare i lavoratori erogando unilateralmente 15 euro! Non possiamo accettare che si rinnovi il Contratto solo se a pagarlo sono i lavoratori. L'appello che facciamo per sabato ai cittadini è di non fare la spesa in quel giorno nelle aziende aderenti a Federdistribuzione, per un consumo rispettoso dei diritti dei lavoratori”, ha detto Cinzia Bernardini, segretaria generale Filcams Cgil Toscana.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca