Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:25 METEO:FIRENZE10°21°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 07 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Laura Boldrini racconta la sua malattia: «Ho scoperto per caso il tumore: è stata come un'onda anomala che mi ha travolto»

Attualità sabato 02 gennaio 2016 ore 15:07

La calza è più ricca grazie ai saldi

Secondo Confcommercio ogni famiglia spenderà in media 385 euro, 15 in più dello scorso anno, per cappotti, scarpe e abbigliamento per bambini



FIRENZE — Complice l'inizio inverno più caldo della storia, negli ultimi mesi i toscani hanno ridotto le loro spese per l'abbigliamento, specie quello più pesante. Ma, secondo le previsioni di Confcommercio e di quelle di Federmoda, sono pronti a rifarsi in questi giorni di saldi.

Saldi che in Toscana inizieranno il 5 gennaio.

Secondo l'associazione dei commercianti ogni famiglia spenderà in media 385 euro per comprare attrezzatura da sci ma anche e soprattutto giacconi, cappotti, abbigliamento per bambini. Regali da affiancare alla calza della Befana, tradizionalmente piena di dolci.

“Le temperature stanno tornando ad abbassarsi - ha sottolineato Federica Grassini, presidente regionale di Federmoda - e i saldi faranno quindi registrare una spesa media più alta di circa 15 euro a famiglia, e saranno un buon banco di prova per capire se anche l’abbigliamento sia fuori dalla lunga crisi che ci ha fortemente penalizzati”.

“I saldi del 2016 saranno diversi da quelli degli anni bui - ha aggiunto il direttore generale di Confcommercio Toscana, Franco Marinoni - in cui i ribassi rappresentavano l’unica opportunità di acquisto per tante famiglie e l’unica occasione a cui i commercianti si aggrappavano per la mera sopravvivenza. La data di inizio, collocata subito prima dell’Epifania e quindi ancora in clima festivo, attireranno i tanti ritardatari che vorranno mettere nella calza qualcosa in più dei dolcetti. Gli acquisti più frequenti saranno come sempre cappotti e giacconi, scarpe, vestiti per bambini”.

“Gli esercenti sono molto ottimisti – ha concluso Marinoni - ma aspettiamo ad esultare: la vera ripresa la avremo se i provvedimenti del governo faranno breccia nel sistema soffocante di tassazione privata e di imposizione fiscale alle imprese, che finalmente potranno tornare ad assumere, innescando un circolo virtuoso permanente per tutto l’arco del 2016”

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il commissario per l'emergenza Covid Figliuolo: "Sarà un'apertura graduale visto il buon andamento della campagna vaccinale contro il Covid-19"
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità