Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:45 METEO:FIRENZE12°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 29 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Conte mangia un gelato dopo il vertice con Letta e Salvini: «Problema risolto? Speriamo che la notte porti consiglio»

Cultura martedì 30 novembre 2021 ore 17:45

La Festa della Toscana contro ogni forma di odio

Nel giorno che ricorda l'abolizione della pena di morte seduta solenne del Consiglio e sottoscrizione del Manifesto per la comunicazione non ostile



FIRENZE — Una Festa della Toscana contro ogni forma di odio, oggi 30 Novembre 2021 la Toscana ha celebrato ancora una volta i diritti e il messaggio di civiltà partito dalla nostra regione nel 1786 quando il granduca Pietro Leopoldo abolì la tortura e la pena di morte.

Il Consiglio regionale si è riunito in seduta solenne al Cinema la Compagnia per celebrare la Festa della Toscana. Filo conduttore delle celebrazioni del 2021: “Dall’abolizione della pena di morte alla lotta ai linguaggi d’odio: la Toscana terra dei diritti”.

La seduta si è aperta con un videomessaggio della senatrice a vita Liliana Segre ed è proseguita con le parole del presidente dell’Assemblea regionale Antonio Mazzeo, del presidente di Amnesty International Italia Emanuele Russo e della direttrice dell’Istituto Dirpolis della scuola San’Anna di Pisa Gaetana Morgante. Le conclusioni sono state del presidente della Regione Eugenio Giani.

Ai sindaci dei Comuni presenti alla seduta solenne è stata consegnata la bandiera della Regione. Dopo la seduta solenne del Consiglio regionale un corteo composto dai gonfaloni dei Comuni ha raggiunto Palazzo Vecchio.

Nel pomeriggio altra tappa importante, la firma del manifesto per la comunicazione non ostile durante il convegno "La Toscana che non odia", sempre al Cinema La Compagnia. Ascolto, rispetto, cura, consapevolezza, responsabilità, queste alcune delle parole chiave che hanno ispirato i dieci principi del Manifesto un importante progetto sociale di contrasto dei linguaggi d'odio e discriminanti. 

Nato in rete e per la rete si è sempre più diffuso nella società civile, fino a coinvolgere le istituzioni e ad oggi è tradotto in 35 lingue. Ad introdurre l’iniziativa è stato Antonio Mazzeo, presidente del Consiglio regionale della Toscana poi sono intervenuti Iacopo Melio, consigliere regionale, Rosy Russo, presidente dell’Associazione parole o-stili, Sello Hatang, Ceo Nelson Mandel Foundation (intervenuto dal Sudafrica), Francesco Verducci, senatore e vicepresidente Commissione Segre, Ernesto Pellecchia direttore Ufficio scolastico regionale della Toscana, Lorenzo Baglioni, cantante, Paola Barretta, coordinatrice dell’Associazione Carta di Roma, Enzo Brogi, presidente del Corecom Toscana, Bernard Dika, consigliere del presidente della Regione Toscana all’innovazione e alle politiche giovanili, Claudia Fusani, giornalista, Vera Gheno, accademica e saggista, Kalidou Koulibaly, calciatore, Davide Paolino, di lercio.it, Sergio Staino, vignettista, e gli studenti di “Rondine Cittadella della Pace”. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Su segnalazione della polizia canadese la polizia postale di Firenze e Livorno ha indagato, perquisito e arrestato un uomo di 42 anni di Livorno
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Cronaca