Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 11° 
Domani 10° 
Un anno fa? Clicca qui
sabato 18 gennaio 2020

Attualità mercoledì 18 novembre 2015 ore 19:30

La schiena dritta di Mattarella contro il terrore

Servizio di Tommaso Tafi

Il capo dello Stato ha ricordato il ruolo Firenze capitale durante il Risorgimento e ha invitato l'Europa a non farsi snaturare da chi predica l'odio



FIRENZE — Iniziata in una città blindata, la visita a Firenze del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, si è conclusa nel modo più leggero possibile. Ovvero con la consegna da parte del sindaco Dario Nardella di una maglietta personalizzata della Fiorentina, rigorosamente la numero 10.

Nel mezzo una giornata divisa tra Palazzo Vecchio, dove ha partecipato alle celebrazioni per il 150esimo anniversario dell'insediamento del parlamento nel salone dei Cinquecento, nel 1861, con Firenze capitale del regno d'Italia e l'Accademia della Crusca.

Ed è intervenendo dalla sede del Comune di Firenze che Mattarella ha commentato la difficile situazione che l'Europa e il mondo si trovano ad affrontare dopo gli attacchi terroristici di Parigi

"Oggi la pace ci chiama a nuove responsabilità - ha detto il presidente -. Non saranno prove facili: non bisogna mai rinunciare a grandi visioni, alla prospettiva di un umanesimo condiviso. Lo dobbiamo ai nostri figli, anche a quelli che sono stati cosi' barbaramente uccisi e che resteranno sempre nel nostro ricordo".

"La sfida per noi europei - ha aggiunto - è quella di allargare ulteriormente la democrazia a livello continentale, dando una base parlamentare solida anche all'Unione economica e monetaria, e un crescente contrappeso comunitario al potere intergovernativo".

"Non sradicheremo l'odio facendolo entrare nelle nostre vite e nella nostra civiltà - ha detto Mattarella -. Il terrore vuole snaturarci. Noi non ci piegheremo. Non ci faremo rubare il nostro modello di vita e il nostro futuro".

A quel punto il presidente si è spostato alla Crusca dove è stato nominato Accademico onorario.



Tag

Boschi: «Sono tornata single ma ci vogliamo bene»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità