Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:10 METEO:FIRENZE20°36°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 03 luglio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
«Tu si 'na cosa grande», l'emozione di Paola Turci che canta per Francesca Pascale

Attualità lunedì 11 dicembre 2017 ore 19:20

Pioggia, vento e frane, senza luce in centinaia

Case al buio in Casentino, empolese e Valdinievole per l'ondata di maltempo. Chiusi i passi della Consuma e dei Mandrioli. Forti ritardi dei treni



FIRENZE — Il maltempo che da ieri imperversa sulla Toscana si è lasciato dietro una lunga scia di disagi e danni a partire da quelli subiti da chi è rimasto senza luce. I black out causati dai temporali e dal vento che in alta montagna ha raggiunto i 120 chilometri orari, infatti, hanno interessato in particolare il Casentino, ma anche la montagna lucchese, la Valdinievole, l'empolese. Le case ancora al buio all'inizio del pomeriggio erano 1.800. Per riparare i danni sono intervenute le squadre dell'Enel, ancora al lavoro. 

Ripercussioni anche sul traffico dei treni, con forti ritardi accumulati in particolare sulla linea tra Firenze e Lucca per danni a Serravalle Pistoiese.

Pioggia e vento hanno causato anche frane e smottamenti. In alta Val Bisenzio, a Montepiano, una sponda del lago Fiorenzo ha ceduto provocando la fuoriuscita dell'acqua che dal bacino si è riversata nel torrente Setta. In Mugello, a Scarperia-San Piero a Sieve, una frana ha coinvolto la strada vicinale di Mulinaccio isolando tre case. Per il momento le sei persone che vi abitano sono assistite dal personale volontario. 

La caduta di alcuni alberi oltre alla pioggia ha causato anche la chiusura dei passi della Consuma e dei Mandrioli. La strada regionale 71 nel tratto tra Badia Prataglia e i Mandrioli è stata interrotta per il crollo di una pensilina sulla sede stradale. La strada regionale 70 della Consuma è stata interrotta sul confine tra Firenze e Arezzo. Migliaia gli interventi nell'aretino per il crollo di rami e comignoli. Vicino alla stazione di Arezzo, a pochi passi dai binari, i vigili del fuoco hanno anche ispezionato il tetto di un edificio che il vento ha scoperchiato. Si tratta dello stesso edificio era stato colpito duramente dalla tempesta del luglio 2016 che aveva provocato danni in città. A Badia Prataglia, nel comune di Poppi, il vento ha staccato diverse tegole provocando disagi anche alla circolazione.

Continua intanto a piovere con insistenza in Lunigiana e sui rilievi delle province di Massa Carrara, Lucca e Pistoia dove anche per domani è stata prolungata l'allerta rossa. Qui i livelli dei fiumi sono in aumento ma per il momento non si registrano problemi. Per quanto riguarda il vento, le raffiche più forti si registrano sull'Appennino massese, lucchese e pistoiese. Sulle colline intorno a Firenze le raffiche hanno raggiunto i 100 chilometri orari mentre sulla costa hanno toccato i 90. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incidente è avvenuto nella notte. Una volta sul posto i soccorritori non hanno potuto far altro che constatare il decesso del giovane
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità