Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:35 METEO:FIRENZE11°14°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 05 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Com'è andare in bicicletta a Milano? Il nostro giro tra ciclabili, interruzioni, auto in sosta, pavé e cantieri

Attualità lunedì 21 dicembre 2020 ore 19:25

Ristori per lavoratori dello spettacolo, pro loco e maestri di sci

L'ufficio di presidenza composto da Mazzeo, Casucci, Scaramelli, Petrucci e Fratoni
L'ufficio di presidenza composto da Mazzeo, Casucci, Scaramelli, Petrucci e Fratoni

Il Consiglio regionale ha stanziato 1,5 milioni di euro, sono destinati alle partite iva del mondo dello spettacolo, pro loco e maestri di sci



FIRENZE — Il Consiglio regionale della Toscana ha stanziato 1,5 milioni di euro per sostenere le partite iva del mondo dello spettacolo e della cultura, le pro loco e i maestri di sci, soggetti lasciati fuori da altre misure di sostegno per affrontare la crisi economica conseguenza di quella sanitaria dovuta alla Covid-19. 

A presentare i provvedimenti sono stati i membri dell'Ufficio di Presidenza del Consiglio Regionale, cioè il presidente Antonio Mazzeo, i due vicepresidenti Marco Casucci e Stefano Scaramelli, i segretari Federica Fratoni e Diego Petrucci. Per i lavoratori dello spettacolo le forme di ristoro sono due, una da 500 euro e una da 2000 euro che può essere elargita in seguito alla presentazione di progetti culturali che parlino dell'identità toscana. Una apposita commissione sarà poi chiamata a valutare i singoli progetti e a quelli più meritevoli verrà corrisposta una ulteriore premialità

Il provvedimento è suddiviso in tre distinte proposte di legge, approvato nell’ultima seduta dell’anno dell’Ufficio di presidenza: ai lavoratori dello spettacolo è destinato un milione, alle Pro Loco sono destinati 250mila euro e i circa 300 maestri di sci toscani potranno contare su 200mila euro di contributi. I contributi alle pro loco saranno ripartiti in base del numero delle domande presentate a seguito di uno specifico avviso pubblico. Per i maestri di sci è stato previsto un ristoro fino a un massimo di 800 euro cadauno.

“Non appena insediati - ha detto Mazzeo - ci eravamo posti un obiettivo politico, trovare risorse proprie del Consiglio Regionale, con tagli e risparmi anche sui costi della politica, per dare una mano a chi è in difficoltà economica a causa della pandemia e che non ha avuto sostegni adeguati. Siamo quindi soddisfatti di essere riusciti in soli due mesi ad arrivare a 1,5 milioni di risparmi che si traducono ora in altrettanti aiuti ad alcune tra le categorie più colpite”. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno