Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 21°36° 
Domani 21°35° 
Un anno fa? Clicca qui
mercoledì 26 giugno 2019

Lavoro mercoledì 12 ottobre 2016 ore 16:15

Roberto Cavalli, duecento dipendenti in esubero

I vertici del gruppo hanno annunciato ai sindacati il piano di ristrutturazione con un taglio del 30% dell'organico. Dundas lascia



FIRENZE — Duecento esuberi su 672 dipendenti per la Roberto Cavalli spa: a dare la notizia ai sindacati sono stati i vertici della casa di moda nel corso di un incontro in cui è stato annunciato un progetto di riorganizzazione lacrime e sangue: attraverso una drastica riduzione del personale, la razionalizzazione della produzione e la chiusura di vari negozi, si punta a far tornare in attivo i conti della società entro il 2018,  assicurando al tempo stesso prospettive di rilancio per il marchio.

"La riorganizzazione prevede la semplificazione dell’assetto aziendale oltre alla chiusura della sede e dell’ufficio stile di Milano - si legge in una nota - con il trasferimento di tutte le funzioni nella sede dell'Osmannoro, alla periferia di Firenze. Inoltre, è prevista la razionalizzazione della produzione, della logistica e della rete retail, attraverso una serie di chiusure o la ricollocazione di alcuni negozi".

Poche ore prima il gruppo Cavalli aveva annunciato il divorzio dal direttore creativo Peter Dundas, dopo tre stagioni: la collezione primavera/estate 2017 sarà l'ultima da lui firmata.

“L’industria della moda sta attraversando tempi difficili, dettati da una significativa contrazione dei consumi in diversi mercati chiave e da una sostanziale trasformazione delle dinamiche del settore - ha spiegato l'amministratore delegato del gruppo Gian Giacomo Ferraris - In questo contesto, solo i marchi iconici, con un modello di business coerente ed un'organizzazione efficiente saranno in grado di sopravvivere".

"Dopo la mia iniziale analisi del Gruppo, credo che Cavalli abbia tutto ciò che serve per avere successo - ha detto ancora Ferraris - ma i costi della società devono essere in linea con i ricavi e questo è l’obiettivo che intendiamo raggiungere".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Attualità

Cronaca