Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:FIRENZE21°29°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 01 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La gioia di Centracchio e Giuffrida, bronzo nello judo: «Volevamo fare le ballerine»

Attualità sabato 06 marzo 2021 ore 08:14

​Scuole e Covid, il Ceps decide le prime chiusure 

Il Comitato per l’emergenza e la prevenzione scolastica si è riunito per la prima volta ed ha analizzato i dati epidemiologici degli ultimi 7 giorni



FIRENZE — In tarda notte il Comitato per l’emergenza e la prevenzione scolastica, a conclusione della sua prima riunione del pomeriggio, dopo la valutazione dei dati epidemiologici, registrati negli ultimi 7 giorni, nei 273 Comuni della Toscana ha deciso di chiudere alcune scuole. Da lunedì prossimo, 8 Marzo, chiudono per 5 giorni (fino a venerdì 12) le scuole di Pistoia e provincia, 20 Comuni in tutto

Ci sono poi i Comuni zona rossa: Cecina (che lo era già dal 25 Febbraio) e Castellina Marittima (Pisa) che lo diventa da lunedì.

“La scuola in presenza in sicurezza è sempre stata la nostra priorità. Siamo stati fra le prime Regioni italiane a riaprirle e continuiamo a investire in progetti di prevenzione anti Covid, come 'Scuole Sicure', per contrastare il più possibile la diffusione del virus. Ecco perché ogni decisione su eventuali temporanee sospensioni delle attività didattiche e dei servizi educativi è presa con molta cautela e soprattutto dopo attento e approfondito esame dei dati epidemiologici, come ha fatto il Ceps" ha detto il presidente Eugenio Giani, in occasione del suo insediamento.

I Comuni sotto osservazione per il loro valore alto di contagio sono stati 76. La Toscana sarà ancora per una settimana in zona arancione, ma con zone rosse: la provincia di Pistoia e i comuni di Cecina (Livorno), Castellina Marittima (Pisa).

L'Empolese Valdelsa e il Valdarno Inferiore restano invece ancora in zona arancione e le scuole restano aperte, ad eccezione di Certaldo. La decisione è arrivata al termine di un lungo confronto tra il presidente Giani e i sindaci della zona.

A spiegare la decisione di mantenere l'area della Società della Salute Empolese Valdarno Valdelsa nella stessa fascia di rischio della Toscana sono stati i sindaci: "Qualche Comune ha numeri più alti, quasi al limite del rosso, ma questo non giustifica un cambiamento di fascia anche perché la nostra è un'area omogenea che vede città e paesi interconnessi, con una mobilità delle persone legata alle attività produttive e alle scuole. Per questo motivo avrebbe avuto poco senso mettere un singolo comune o due in zona rossa lasciando tutti gli altri in arancione".

Sempre nella stessa riunione è stato deciso di mantenere tutte le scuole, di ogni ordine e grado, aperte secondo le disposizioni del Dpcm. L'unica eccezione è rappresentata dal Comune di Certaldo dove il sindaco Giacomo Cucini, a causa del crescente tasso di contagio registrato all'interno di alcuni istituti, ha provveduto alla chiusura con una propria ordinanza e che è stata confermata dalla Regione Toscana.

Il Ceps, Comitato per l’emergenza e la prevenzione scolastica, è stato istituito con Ordinanza del presidente Eugenio Giani “in tutte le aree, regionali o provinciali, nelle quali l’incidenza cumulativa settimanale dei contagi sia superiore a 250 casi su 100.000 abitanti oppure in caso di motivata ed eccezionale situazione di peggioramento del quadro epidemiologico” ed è composto da 18 persone: il presidente della Giunta regionale, che lo convoca e lo presiede; l’assessore alla sanità; l’assessore all’istruzione, il direttore generale della Giunta regionale; il direttore della Direzione sanità, welfare e coesione sociale; il direttore della Direzione Istruzione, formazione, ricerca e lavoro, il direttore della Direzione mobilità, infrastrutture tecnologiche e innovazione; il dirigente responsabile regionale della Prevenzione collettiva; il direttore generale dell’Ufficio regionale scolastico; un rappresentante dell’Upi; un rappresentante dell’Anci regionale; il direttore generale della Asl Centro; il direttore generale della Asl Nord Ovest; il direttore generale della Asl Sud Est; il direttore di Ars (Agenzia regionale della sanità); il direttore generale dell’Azienda ospedaliero-universitaria Meyer; il presidente del Parlamento degli studenti; il portavoce dell’opposizione in Consiglio regionale.

Alle riunioni del Comitato sono invitati i prefetti competenti per territorio, in riferimento alle decisioni di assumere. Dei prefetti, uno di Upi, uno di Anci e l’inviato del Parlamento degli studenti. Si riunisce ogni venerdì pomeriggio e valuta, sulla base dei dati epidemiologici, gli interventi da mettere in atto.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A bordo due ragazze. Tutte e 5 le persone coinvolte nell'impatto sono finite all'ospedale. L'uomo è grave. L'incidente all'altezza di una rotatoria
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità