Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:FIRENZE12°19°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 24 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Federer lascia il tennis: l'ultimo punto, l'abbracco con Nadal e le lacrime

Attualità lunedì 01 agosto 2016 ore 16:52

Se anche l'auto e il bus sono condivisi

Servizio di Dario Pagli

Parte da San Casciano Val di Pesa il progetto di mobilità che migliora i collegamenti tra le frazioni e il capoluogo e riduce l'uso delle automobili



FIRENZE — Il motto del progetto è chiaro: nessuno resterà a piedi. Questo il senso dell'iniziativa 'Muoversi in Comune' che prende il via da San Casciano Val di Pesa ma che ben presto potrebbe essere esteso a tutto il territorio regionale. 

Tutto nasce dal progetto di partecipazione finanziato dalla Regione Toscana, i cui risultati sono stati presentati a Firenze dagli assessori regionali alla partecipazione Vittorio Bugli e alla mobilità Vincenzo Ceccarelli e dalla vicesindaco di San Casciano Donatella Viviani. Ai cittadini sono stati consegnati cinquecento questionari che hanno messo in luce come la maggioranza dei residenti si sposti quasi esclusivamente con la propria automobile. In alcuni casi la percentuale raggiunge l'80 per cento. 

Alla luce dei risultati, il Comune ha messo a disposizione un bus navetta ad integrazione del servizio di trasporto pubblico esistente con l'obiettivo di migliorare i collegamenti tra le frazioni e il capoluogo. Il progetto prevede anche la possibilità di affiancare alla navetta il sistema di 'car sharing', cioè di condivisione delle auto private tra cittadini che devono compiere lo stesso tragitto e che possono accordarsi tra loro comunicando attraverso apposite bacheche.

Ora si guarda già oltre il progetto pilota. "E' un esempio del lavoro che abbiano iniziato sul territorio e una sperimentazione che potremo anche replicare altrove – ha detto l'assessore alla partecipazione, Vittorio Bugli – Il valore e l'interesse del progetto è duplice: da un lato il coinvolgimento dei cittadini per definire le loro esigenze, dall'altro il ricorso a forme di sharing economy".

Anche per l'assessore ai trasporti Vincenzo Ceccarelli si tratta di "un progetto replicabile. Quello di San Casciano è l'esempio del lavoro sulla mobilità che intendiamo portare avanti in tutta la Toscana, attraverso una sempre più ampia integrazione tra mezzo pubblico e mezzo collettivo privato". 

Alla fine quella che nasce con il progetto, per Donatella Viviani, vicesindaco di San Casciano Val di Pesa, è "una vera e propria rete di trasporto innovativa e integrata".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Una 35enne toscana ha perso la vita nell'incidente avvenuto su una strada statale del Cosentino. Ferito il conducente dell'autoarticolato
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità