Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:35 METEO:FIRENZE11°21°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 18 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Morto Franco Battiato. L'intervista del 2018: «Milano con la nebbia, mi piacque molto: cantavo per scherzo dei madrigali barocchi. Fu Gaber che mi disse di chiamarmi Franco»

Attualità sabato 24 ottobre 2020 ore 19:05

Stretta Covid, niente visite in ospedale e stop alle partite dei dilettanti

Eugenio Giani

Ecco i provvedimenti della Toscana per la seconda ondata di Covid, oltre allo stop per i campionati dilettantistici più posti in terapia intensiva



FIRENZE — Nuova ordinanza del presidente della Regione Toscana Eugenio Giani per fronteggiare l’aumento dei nuovi contagi da Coronavirus.

E' proprio il presidente Giani in diretta Facebook che dopo aver annunciato 1.526 nuovi casi di Covid in Toscana elenca i provvedimenti che fanno parte della nuova ordinanza firmata quest'oggi e che entrerà in vigore domani, 25 Ottobre. Avrà validità fino al 14 Novembre.

Tra le strette quella delle visite ai degenti in ospedale che saranno praticamente fermate per non far entrare il virus nelle strutture, solo ai pazienti fragili sarà concesso di avere visite e per pochi minuti. Altra misura quella per gli sport dilettantistici di contatto da domani fino al 14 novembre sono sospese tutte le attività di gare e competizioni riconosciute di interesse regionale, provinciale o locale dal Coni, dal Cip e dalle rispettive federazioni sportive nazionali, relativamente a tutti gli sport di contatto. Restano consentiti gli allenamenti.

"Per un mese noi interrompiamo l'attività competitiva delle squadre e delle attività individuali che sono circoscrivibili agli sport di contatto" in campo dilettantistico. Da domani saranno interrotte le attività a livello regionale, non l'allenamento che potrà essere fatto durante la settimana, ma i tornei federali", ha precisato. 

"Le federazioni che io ho interpellato - ha spiegato Giani - mi avevano detto che c'era già molta preoccupazione da parte degli addetti ai lavori, da parte degli sportivi, dei genitori che portavano i bambini".

Per quanto riguarda le terapie intensive Giani sottolinea che la situazione è ancora gestibile: di 550 terapie intensive sono occupate 87 ma il governatore ha annunciato nuovi posti.

L'ordinanza regionale prevede, per quanto riguarda l'aspetto sanitario oltre alla limitazione per le visite, diversi provvedimenti, fra questi la costituzione di una centrale di tracciamento in tutte le Asl per tracciare tutti i contatti dei positivi al meglio, una centrale operativa di coordinamento, per coordinare i reparti Covid, 1.500 posti in alberghi sanitari, l'acquisto di 50mila test rapidi a settimana, più personale da reclutare anche nell'ultimo anno di Università.

Sempre nei provvedimenti dell'ordinanza l'aiuto della Regione ai sindaci per le chiusure delle "zone rosse". Giani ha anche sottolineato che lunedì avrà un incontro con l'ufficio regionale scolastico: "Per le seconde, terze e quarte superiori vogliamo arrivare allo scaglionamento per l'accesso nelle classi, con la didattica a distanza per almeno il 50% degli alunni".

Mentre sulle chiusure dei centri commerciali Giani ribadisce il no: "Martedì ci sarà un incontro con le associazioni di categoria. No alle chiusure ma limiteremo l'accesso attraverso un contingentamento delle persone".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La novità è emersa durante uno studio che sarà pubblicato a breve. Attualmente in Toscana il richiamo per questo siero anti-Covid è dopo 42 giorni
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Imprese & Professioni